mercoledì 5 aprile 2017

la teoria di Mr.Scott

Mr.Scott, l'ingegnere capo dell'Enterprise, confesserà scherzosamente di raddoppiare apposta i tempi previsti di riparazione, sapendo che tanto il capitano gli avrebbe concesso la metà del tempo che aveva richiesto.

Ecco, io ho deciso di fare uguale, con ricevuta: ovvero, da qui in avanti, se arriva il Clientes Bruciaculo con qualsivoglia riparazione frettafrettafretta, paga prima e gli do ricevuta con "consegna sabato pomeriggio".
O quel che è: se è pronto in X giorni, la consegna è a 2X giorni.
Ci vuole una giornata? Passa tra due. Ci vogliono 3 giorni? Passa tra una settimana.

La cosa fondamentale è che, da ora, la data di consegna è tassativa, imperativa ed inderogabile per tutti.
Ovvero, se c'è scritto "consegna sabato pomeriggio", la consegna è sabato pomeriggio.
Il Clientes Bruciaculo, se lo ritiene, può passare giovedì mattina, venerdì mattina, venerdì pomeriggio presto, venerdì verso sera, sabato mattino presto, sabato sul mezzogiorno.
Invano.
Se la consegna è sabato pomeriggio, il pezzo si consegna da sabato pomeriggio.
Anche se è pronto da venerdì mattina, non cambia niente.
Fino a sabato pomeriggio, da qui non esce. Nix, Nada, Niente, Non pronto. Sabato pomeriggio, sciò.

Che li ho abituati male, e questi Clientes Bruciaculo han sempre più il bruciaculo - e diventano ansiogeni.
L'ultimo, martedì: ora, io martedì pomeriggio da gennaio sono chiuso, per lavori.
Da gennaio. Son tre mesi che c'è l'orario cambiato.
E il martedì chiuso ha già attirato i Clientes Bruciaculo come il miele: già che sono chiuso, hanno fretta di.
Quindi, l'ultimo della lunga serie di Clientes Bruciaculo - sentito il caldo della primavera -  arriva alle tre e un quarto con due motoseghe "da affilare".
Entra nel negozio chiuso, a luci spente, mentre io sono disteso sotto al bancone con l'avvitatore, e mi dice che le ha bisogno per le sei.

Ora, anche fossi aperto, anche non avessi niente d'altro da fare, va tradotto dal bruciaculese all'italiano che "affilare la motosega" = togliere la catena, pulire la barra e i condotti, togliere tutta la segatura impastata di morchia lasciata lì ad ammuffire dall'autunno, probabilmente scolare la benzina lasciata a far gomma nel serbatoio e l'olio addensato nell'inverno, pulire il filtro, guardare la candela, fare sacrifici agli dei perché si riaccenda, montare la catena sulla mola, affilare i denti destri, girare la mola, affilare i denti sinistri, riattaccare assieme il tutto e accenderla.
Se si riaccende. Se no, entrare nell'empirico.

Ecco che "affilare la motosega" per due pezzi, dalle tre e un quarto alle cinque e mezza (che "alle sei", vuol dire quello) richiede uno strappo spazio temporale extra relatività non indifferente.

Se poi ho il bancone smontato e i lampadari che pendono, ecco che la cosa si complica.

Deve aver capito. Torna con le motoseghe quando riapro, Giovedì.
E la consegna della prima sarà per Lunedì, la seconda boh, vediamo.


P.S.: ho scoperto una cosa interessante. Il braccino di Papà ha colpito ancora.
Nei martedì precedenti, dovevo lasciare la porta aperta per portare dentro e fuori materiale.
E con la porta aperta, era tutto un traffico di bruciaculo, vecchie finto-svagate, gente che c'aveva solo bisogno una cosa, gente che già che ero chiuso c'aveva la serratura...
Questo martedì, il martedì del bruciaculo bimotosegato, dovevo solo montare roba dentro.
Quindi, dico, chiudo a chiave, lavoro dove non mi si vede, è buio, magari mi salvo.

Non ci avevo mai provato prima: la serratura del negozio da dentro non funziona.
Il cilindro è di seconda mano, e va solo nella metà verso fuori.
Uno dei tanti rottami che Papà non ha buttato via.

Ho già ordinato il pezzo nuovo. Lo monterò prima di affilare la motosega bruciacula.

4 commenti:

  1. Mmmmhhhh... e se tu per provare le motoseghe, ecco, uuhhhmmmm.... no vabbè, magari è troppo... però però però, sospiro di desiderio...

    RispondiElimina
  2. Hahahahhahahahahahah SEI RIMASTO CHIUSO DEEENTROOOOOOOO! !!!😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh no, Alessandra, proprio quello è il problema, da dentro NON CHIUDE

      Elimina
  3. Arrrrgh, non riuscire a chiudere fuori i clientes bruciaculo! Se sei lì a fare lavori in pausa pranzo, prima che ti arrivi la serratura nuova ovviamente, barrica la porta con qualche grosso armadio.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...