sabato 29 ottobre 2016

il lavoro da cinque minuti

John and Maus Storm by megatruh
 Finalmente, la calma dopo la calma prima della tempesta: sta iniziando il weekend dei morti, e si attende l’invasione di quelli che “così per Sant’Ambreus la casa è a posto”.

Io ho sia la calma che la tempesta in differita, fuori sincrono:
- la tempesta dei manovalanti prima, quando arrivano a grappoli telefonate dell’ultimo secondo “saliamo sabato, potrebbe mica… (pulire casa, far partire caldaia in blocco da aprile, verniciare stanze, fare “quel lavoro là di cui avevamo parlato e che eravamo d’accordo le dicevo qualcosa...”)
- Calma relativa a fine settimana: arrivano i villeggianti, si installano e verificano i lavori ordinati senza preavviso.
- Da domenica pomeriggio i villeggianti stessi di persona in negozio per aggiustare a loro gusto i lavori testé eseguiti di corsa e per quello che non è stato fatto, il famigerato “lavoro da cinque minuti”.



Ora, consiglio generale: mai, dico mai, pronunciare in presenza di artigiani e tecnici in genere la suddetta frase.
- “Lavoro da cinque minuti”, - “si fa in cinque minuti” (impersonale), - “lo facciamo in cinque minuti” (pluralis Mediolanensis: noi facciamo = tu fai, io sto lì e dirigo) e tutte le varianti vanno bandite.

Per la mia categoria è unanimemente, coralmente, tradizionalmente, sintomo che:
- che il lavoro sarà assurdamente complicato. - che il Clientes è convinto che si risolva subito, - che il Clientes, quindi, non ha idea di cosa dice, - che il Clientes, non capendo, pretenderà variazioni in corso d’opera ad lib., - che il Clientes, non capendo e variando, romperà gli zebedei perché lo vuole subito,
- che il Clientes poi tirerà sul prezzo, farà piangine, pagherà dopo mesi lamentandosi che “per un lavoro da cinque minuti” così tanto?

Indipercui, “Lavoro da cinque minuti” = grane.
Clientes con “Lavoro da cinque minuti” = appestato, evitare con ogni scusa possibile.

Se avete un “lavoro da cinque minuti” che languisce lì da anni in attesa che un tecnico si immoli, bhe, fatevi un esame di coscienza e capirete che la risposta è in voi stessi.

2 commenti:

  1. ImpiegataSclerata29 ottobre 2016 09:31

    O_o' Ahem... Buon... Ahem... Ponte... Che almeno, che sia mooooolto proficuo. ;-P

    RispondiElimina
  2. In week end dei santi per questo genere di clienti mi viene da pensare che un lavoro da cinque minuti anche meno lo fa il terremoto :-(
    Elisa

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...