lunedì 23 novembre 2015

#brusselslockdown #BrusselsAlert

 Il Belgio ha dato i natali a Magritte.
 l'Italia ha dato i natali a Giuseppe Verdi.

 Forse questo spiega perché loro sono un popolo di surrealisti, e noi siamo portati al melodramma.

 La vicenda ormai è su tutti i giornali: il Ministero della Difesa Belga ha emanato un tweet (e su facebook, credo) invitando a non postare immagini e commenti di cosa stava succedendo a Bruxelles.
 Era in corso una retata e c'era la possibilità che i terroristi potessero sapere che la polizia si stava avvicinando.

 Semplice buon senso, si direbbe.

 Qui in Italia c'è stato chi ha ululato alla censura, lo stato di polizia, la libertà d'opinione e d'informazione.

 In Belgio l'han presa più sportivamente: hanno annegato la rete di gatti.
 In questo modo, i pochi, pochissimi, giornali e individui così sciocchi da buttare in rete informazioni magari utili sono stati obliterati da una valanga di pucciosità.
 E c'è stato uno scatto morale, solidale, una reazione in una città da due giorni in stato d'assedio, in cui la polizia consigliava di stare lontano dalle finestre come a Sarayevo.

 In Italia, c'è chi l'ha presa bene:


E c'è chi si è accanito contro questi ignobili individui che in questo momento di tensione gatteggiavano e "ostacolavano la polizia".

Io postavo foto del Furio...

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...