venerdì 6 marzo 2015

Chiamääätooo?

 Devo trovare una sirena da nave.
 E in catalogo non c'è, anche se mi pare un chiaro prodotto da pitoneria.

 Che ho già, invece, il cordone di juta per fare il cappio.

 Che a me serve il "campanello" della Famiglia Addams, quello PÜÜÜÜ-HÖÖÖÖÖ per Lurch che diceva "chiamato?"

 Dico questo perché la sera dell'ultimo giorno di riposo della Pitoneria rientro tardi dopo una giornata tra uffici e varie che rendono il concetto "giornata di riposo" discutibile.



 E mi metto comodo in manica di mutanda, metto ordine alla spesa e mi stravacco col Furio sulla pancia.
 Solo che il Felino è nervoso: si agita più del solito, anzi più del solito delle notti di luna piena (Lupo ululì, Furio ululà).

 Tendo l'orecchio e sento rumori strani e vocìo contro la porta del negozio.
 Faccio tutta la complicata manovra per far scendere il Furio che, benché preoccupato, stava in piedi, girando in tondo sulla mia pancia: e se mi muovo si artiglia sulle mie trippe.
 Comunque, scendo il gatto; infilo un paio di pantaloni alla bersagliera; apro la porta del corridoio e mi trovo uno in casa con la testa già dentro l'ingresso che dice "permesso".

 Aveva bisogno di 20 viti, che l'indomani mattina aprivo troppo tardi (8.30) e quindi se per favore...

 Con quello che gli ho fatto pagare quelle viti, riaprendo il negozio alle nove e un quarto, mi posso permettere una sirena degna di questo nome.

9 commenti:

  1. Odio quelli che "per favore, avrei un'urgenza". Dovevi fargli pagare il doppio di quel che gli hai chiesto.
    P.S. ma da quelli parti, non chiudete le porte a chiave?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, qui la chiave è un concetto ancora in divenire.

      E credo che 20 viti in caviale beluga pressato sarebbero costate meno...

      Elimina
  2. Ah, sì, un'urgenza? Il bar in fondo alla strada ha un bagno per le urgenze...
    (Ma chi te l'ha fatto fare di alzarti e scacciare il Furio dal suo comodo giaciglio? La prossima volta, fai finta di non essere in casa!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (E, aggiungo, CHIUDI LE PORTE A CHIAVE! Avrebbe anche potuto essere uno sgraphignus.)

      Elimina
    2. Si sarebbe portato via qualcosa della Nonna.

      Quindi poco male.

      Elimina
    3. E poi te la senti tu, la Nonna...

      Elimina
  3. Non avete paura dei ladri ai milletrè?
    Mia nonna e mia zia, commercianti anche loro, passavano la domenic, casa sopra il negozio, la nonna per cacciare via quelli del "mi scusi potrebbe vendermi che ho una urgenza?" e mia zia per correre a vendere e far pagare a prezzo di caviale.
    Non c'era lotta: la zia era più veloce
    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. o'bisinisse è o'bisinisse

      E, no, il ladro è ancora un concetto fumoso: sebbene negli ultimi tre mesi nei paesi limitrofi hanno scassato gli uffici della funivia, due volte un ristorante, in una singola notte due bar e una pasticceria, e credo cinque appartamenti diversi.

      Qui in paese è stata forzata solo la porta del bar, che ho aggiustato io.

      Ho venduto un paio di serrature blindate, ma in realtà no, la cosa non ha inciso più di tanto nelle abitudini della porta aperta.

      Elimina
  4. Nonononono niente sirena da nave. Basta leggersi alcune vecchie normative comunali. Niente sirena da nave, provocano troppi problemi fra cui spaventano la fauna a 4 zampe e nei periodi invenali crei slavine, senza contare che nel periodo estivo creeresti problemi alla fauna a 2 gambe, cioè carampane incavolate che le gallne non fanno più uova. Oltre a ciò, tutti lì intorno seprebbero quando qualcuno viene a comperare viti di frettafrettafretta. Sia mai che qualche Sfinanziere che ha perso la strada verso la valle non voglia fare qualche controllo. :-p

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...