martedì 24 febbraio 2015

Lo sbrego nel pellet

Noterete che l'argomento pellets è sostanzialmente sparito: fatta salva la questione dell'IVA dal 10% al 22%, le menzioni in questo inverno sono minime.

 Sarà che il pellettiere a Km0 ha ripreso la produzione, io li compro lì, parte li vendo in negozio a terzi con viva soddisfazione delle genti locali tutte.
 Viviana scalda Furio che ronfa in casa, una stufa innominata evita che mi trovino brinato in Pitoneria e bòn.
Insomma niente da segnalare

senonchè...

(suspance)



 Senonché, una stufa a pellets ha fatto ingresso a casa dei miei, giù nella cittadina.
 Dopo anni di stufa a legna gestita dal Papà, legna che era da trasportare su e giù, che poi puzzava se non l'accendeva Papà, e di freddo, e di termometri, e di trasferimenti - mia Mamma coi suoi soldi parte per prendere una pellet e chiuderla lì.
 Ne trova una usata ricondizionata, 300 euro.

 Interviene Papà che lui sa che lui fa che lui chiede, che lui gira e chiede a tutti i vecchi al bar, in tutti i negozi, legge tutti i volantini: dieci giorni dopo decide che quella da 300 però magari - visto Mamma ha solo 300 euro e non ne mette uno di più - anche quella lì potrebbe bastare.
 Solo che in dieci giorni di giri quella d'occasione l'han venduta (ma và?) e mio Papà deve tirar fuori di suo altri 350 euro in più, che nelle sue intenzioni mia Mamma dovrebbe restituirgli. (Mia Mamma lo sta salutando con tutto il braccio)
 E da lì... sciambola.

 Stufa arrivata, montata da mio Fratello mentre Papà era assente (Teoria del Fatto Compiuto), Papà inizia a gestirla.
 Gestione che in teoria inizia e finisce nel premere il tasto on/off e nel togliere la cenere.

 Ma no: gli porto giù quattro sacchi di pellets a Km0 che diventano ovviamente a KM+40.
- E ma però volano via, quando cadono dentro nel crogiolo partono delle scintille e quelle pagliuzze non bruciano e si sprecano. (non c'è traccia di roba non bruciata nella cenere, ma vuoi discutere? No, non vuoi)

 Quindi gli porto giù un sacco dell'Abete che ho come scelta "Lusso" per pochi razzisti che non vogliono il pellets KM0
- E ma però fa una cenere troppo bianca e troppo leggera, si riempie subito (fa una cenere più leggera del KM0, niente di che, ma vuoi discutere? No, non vuoi)

 E quindi va con un sacco del Km0 a chiedere a cinque o sei venditori se il loro prodotto è meglio - classico.
 Ne prende uno "per provare"
- E ma però questo è faggio e però magari fa più calorie, e ma però è misto abete, e ma però farà più caldo(Tu senti più caldo? Ne consumi meno per lo stesso caldo? Ma vuoi discutere? No, non vuoi)

 Ne prende un altro "per provare": e nel dubbio fa venire il venditore e gli spiega lui che lui sa che lui sa, come fare ad entrare col camion rimorchio e scaricargli la roba in garage (Tetris, in confronto, è una bazzecola).
 La sostanza era, domani frettafrettafretta, settordici bancali qui, subito.
- E ma però quel tipo lì fa tanta fiamma(Fa tanta fiamma quando, come dove? Hai pulito prima di provarlo? Ma vuoi discutere? No, non vuoi)
 Quindi cambia idea.

- E ma però al Superiper fanno l'offerta speciale, prende dieci sacchi che costano poco mentre i venditori gli han venduto il campione di prova a prezzo pieno.
 Il superpellet lascia dei crostoni nel crogiolo e tappa i buchi con una roba dura (Sono i residui di vernice delle bare, ma vuoi discutere? No, non vuoi)

- E ma però il tizio dove lo prende il vecchioalbar c'è il robinud, e il robinud e il robinud (Si chiama tipo r*o*b-n-W*o*o*d, mia Mamma sbuffa ogni volta che Papà storpia, ma vuoi discutere? No, non vuoi)
- eccetera ad lib.

 Con due effetti:
 Uno, ogni mercoledì che scendo finisce a metà tra Tolkein e la Fiera dell'Est: ricordate Branduardi?
 A pranzo c'è la storia dal Km0 figlio di abete che fa le scintille, figlio di faggio che è abete, figlio di superpellet che cracia, figlio di robinud che fa così che fa cosà che fa cosù. E ogni volta si aggiunge una strofa.
 Oltretutto la stufa gestita da Papà è accesa il meno possibile - per risparmiare -, quindi un sacco dura quattro o cinque giorni, e di settimana in settimana non ha molte novità.
 Anzi, Papà ha in coda almeno altri tre sacchi diversi da provare, e la primavera si avvicina inesorabile.

 Effetto due: che è sempre lì a far l'affare, che se compri un camion intero, se te la fai arrivare ad aprile, se prendi un carico e lo dividi, se lo fai arrivare col paracadute, se se se se.
 E qui finisce che prende un bilico di sacchi di purissimo trito di bare che gli durerà fino al 2049, a un sacco ogni 4 giorni.
 Salvo poi pentirsi e voler comprare un altro tipo che gli han detto al bar...

 Insomma, la saga continua...

10 commenti:

  1. Ma il papà è il figlio delle famosa nonna ? Che sennò , diciamolo... capisco perfettamente il tuo rifugiarti a 1300.
    La mamma deve comprare la stufa con i SUOI soldi? Deve restituire 350 euro ? Oh madre !!!!
    Ornella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il ragionamento che fa spesso mia Mamma è "e non sono neanche parenti", inteso Papà e Nonna - la quale è madre di Mamma, quindi solo suocera.

      Ricordo che ImpiegataSclerata aveva citato non so quale sindrome per cui si finisce per sposare qualcuno uguale ai propri genitori.
      Ecco, mia Mamma ha fatto filotto.

      Elimina
  2. Detto in maniera brutale : meglio un gatto, specie se si chiama Furio.

    Ornella

    RispondiElimina
  3. Suggerire al Papà di comperarsi una macchina per fare il pellet? Così sceglie la legna che vuole e si fa il pellet.
    OK, non lo farà mai, però, nel frattempo, si distrae.
    E quando si è distratto, vai sul discorso che la macchina la ci si può autocostruire.
    OK, non lo farà mai, però, nel frattempo, si distrae.
    Nel frattempo, gli anno passano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. piano interessante:
      Il difetto è che scegliere il legno significa che mio Fratello deve segarlo, portarlo, grattarlo.
      E la macchina autocostruita non si autocostruisce a chiacchere, ma di nuovo se la dovrebbe grattare il Fratello.
      Che Papà sa perché sa perché sa, ma all'atto pratico...

      Elimina
  4. Arrghhh..anni passano...

    RispondiElimina
  5. Tua madre non ha mai ancora avuto la tentazione di utilizzare tuo padre come combustibile? Avrebbe dovuto utilizzare i suoi soldi per comprare una stufa che scaldava anche tuo padre?
    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia mamma pensa all'Uxoricidio a giorni alterni.

      La stufa a legna aveva di buono che, con un po' di pazienza, si possono far sparire i corpi.
      Ridurlo a pellets, diventa complicato...

      Elimina
  6. Credo che io l'avrei ammazzato da un pezzo.

    RispondiElimina
  7. Noooooo, meglio chiedere il divorzio con addebito per crudeltà mentale, assegnazione della casa coniugale e congruo assegno mensile di mantenimento. Sai come sclera un braccino corto a pagare saporitamente tutti i santi mesi?

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...