mercoledì 18 febbraio 2015

La motostrega

Dubbio morale

 Ho una vecchina tremolante e abbastanza sul rimbambito che ogni tre per due è qui per un manico di caffettiera, una vite, una lampadina da 25W, un tubetto di colla.
 Una di quelle che si aggiustano tutto in casa, come la Nonna.
 Adesso, però, sente la primavera: che di primavere ne ha viste talmente tante che ha l'abitudine.

 E insomma, mentre qui c'è il solito simpatico metrotto di neve che si scioglie lentamente al primo sole rispuntato da dietro la montagna (neve che finirà di slenguarsi i primi d'aprile, se non nevica ancora), la vecchia è già qui che si organizza per pulire gli alberi in giardino.
 Di nuovo, una versione ai milletrée del giardinaggio preventivo della Nonna in città.



 E mi ha portato le forbici per potare da affilare.
 E ne ha comprato un altro paio che non si sa mai.
 E mi ha portato il falcetto da affilare: che è già affilato, ma con una bella lucidata placebo è meglio.
 E mi ha già chiesto il fertilizzante per i gerani (qui i gerani sopravvivono da maggio)
 E mi ha già chiesto se ho i portavasi.

 E vuole la motosega.

 Bhe, no, l'elettrosega: che è una motosega con la spina e non a benzina.
 Ma purtuttavia motosega, nell'uso, nella potenza (vuole quella grossa), nella lama e nei comandi.

 Che il nipote che sta con quella che era la figlia di quello che aveva l'alimentari prima di quella che ha sposato il falegname...
 Insomma il Nipote non viene su mai a tagliargli le cose.
 Anche qui, echi Nonneschi e la sua frettafrettafretta.

 E io son qui: gli ho detto che aspettiamo almeno che escano le promozioni a marzo, che pagarla adesso a prezzo pieno quando tra un mese magari son trenta euro meno...
 Ma questa imperterrita, ogni volta che viene a prendere qualcosa di affilato, o una vite, o un rotolo di nastro isolante (Nonna, aridaje), ogni volta mi chiede che non c'è fretta ma la motosega.

 Il fatto è che questa non sta neanche in piedi, se accende l'elettrosega si ammazza. O resta viva come le vecchie tignose che resistono con mali devastanti, tipo una gamba in meno e l'altra sbrindellata, che la motosega non perdona (le vedove da motosega sono numerose, qui).

 Insomma finisce che se non gliela vendo ci perdo una vendita succosa.
 Ma se gliela vendo ci perdo una cliente, o almeno alcuni pezzi della cliente.
 Cliente che un euro qui, due euro là, alla fine dell'anno fa reddito.
 Che faccio?

14 commenti:

  1. Venderle anche un assistente alla motosega? Cioè qualcuno che la usi al posto suo.

    RispondiElimina
  2. Mi sa tanto che finirà per "potare" il marito, se ancora ce l'ha (a meno che questa non sia la vedova del Pepp...).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vedova. Ma ammetto non mi ha mai spiegato che fine abbia fatto il defunto conuige.
      Probabilmente l'ha sepolto sotto l'albero.

      Elimina
  3. ImpiegataSclerata18 febbraio 2015 10:10

    Offriti a pagamento di potare il potabile. E poi magari fai sapere a tua nonna che per fare lo stesso lavoro che a lei le fai aggratis qualcun'altra ti PA-GA!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' pericoloso, Si inizia potando quel ramo che sbatte contro la grondaia, poi si prosegue con quei due reami che fanno ombra in giardino e in un lento crescendo si arriva a dover tagliare il larice di 40 metri accanto al cancello che rende difficile entrare con la macchina.

      Elimina
    2. oh, ecco, qualcuno che mi capisce.

      Che mi stavate diludendo: dopo anni di Nonna, mettermi a seguire una vecchia fretta fretta che vuole tagliare ma di più ma di meno, ma frettafrettafretta, ma anche con un metro di neve, ma anche quel ramo, ma anche quell'altro di un albero che la vecchia è convinto essere suo e di averne diritto.
      Salvo rimostranze condomini, parenti, vicini etc.

      Va bene fare il mercenario, va bene l'incasso, ma vuoi che muoro?

      Elimina
    3. ImpiegataSclerata19 febbraio 2015 19:16

      Nonnò per carità, era solo un'idea per fare bisnis.

      Elimina
  4. Bel problema ! Ma nel paesello non c'è un vigile urbano, un parroco che conosce le sue pollastre una ad una, un qualche riferimento, a cui tu possa appoggiarti per la tua decisione e/o possa far ragionare la vecchina ?

    Anonimo SQ

    RispondiElimina
  5. Cavolo, mi sono appena resa conto che tu non hai l'archivio. E io che volevo rileggermi qualche cosina. E come si fa? E fretta fretta fretta. Tiro le somme, o tu sei disorganizzato o io sono cieca forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Archivio? Lo trovo tra gli optional google/blogspot o è complicato?

      Che, se serve, a disposizione.

      Elimina
    2. Grazie grazie grazie! Perché ci son perle che a ricordarle ti fan scompisciare e quindi urge rileggerle!

      Elimina
  6. Devo dire che l'immagine di una nonnina frettafrettafretta con una motosega in mano mi mette ansia... Non riesci a consigliarle qualcosa che sappia meno di arma di distruzione di massa? Non so, una bella sega a mano sarebbe già meno pericolosa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per roba a mano serve muscolo e fiato.
      Gli ho fatto vedere segacci e seghetti, ma li ha.
      Però con la motosega fa prima, frettafrettafretta.

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...