lunedì 15 dicembre 2014

Librettolibrettolibretto

 Si diceva, la Nonna non sa più in che giorno è: con effetti tragici.

 Ovvero: la Tambarna arriva su dalla Mamma con gli occhi di fuori che ha perso il libretto della banca.
 - "Non hai un libretto in banca", dice la Mamma.
 E ma si, ma io, ma il libretto, ma vado col libretto e mi chiede quanto prelevo, il libretto il libretto.
 - "Non ha un libretto in banca, Tambarna: siamo andati assieme a fare il conto corrente vent'anni fa. Quando tu hai deciso che così era facile trovarli quando morivi, e siamo dovuti venire in banca a vedere dov'era"
 Nonna ci resta perplessa (morire, io?), riscende, riarriva su con gli occhi fuori dalla orbite che non c'è l'ho cercato, il libretto il libretto.
 - "Non hai un libretto in banca".
Ripetere questa scena in loop ad lib.



 La Nonna trova il Papà sulle scale "il libretto, il libretto" e mio Papà -che ha capito tutto della psicologia Tambarna- gli fa grave che se perdi il libretto bloccano il conto, ci vogliono mesi.
 La Nonna ri-ri-ririarriva su con gli occhi fuori "e come faccio a mangiare, senza soldi".
 - "Usa quelli delle buste che hai in giro".
 Nonna bofonchia "ah, bof, quelli sono finiti": non vuole che si parli di quelle buste, le buste nelle calze sono cose da vecchia scema e lei non è nè vecchia nè scema.
 Comunque.
 Riscende, ri-ri-ri-ri-ri-arriva su con gli occhi fuori il libretto, mangiare, il libretto, senza soldi, come faccio.
 - "Non hai un libretto in banca".
 Ripetere questa scena in loop ad lib.

 Mamma chiede al fratello, aka Zio Desaparecido: "ma la Nonna ha un libretto? Non avevamo messo tutto sul conto corrente così era facile poi trovarli quando ereditavamo?"
 Lo Zio borbotta "quella là, conoscendola, capace che si è fatta un libretto per far la cresta sul conto".
 Aiuto.

 A un certo punto la Mamma mi telefona: "oggi devo andare a fare la figura della scema".
 Perché, dopo un congruo numero di repliche della scena madre senza che nessuno muovesse un dito, la Nonna deve andare in banca per farsi rifare il libretto. Deve deve deve.
 Tradotto: portami, così ci parli te che non capisco niente.

 Quindi banca, addetto, "signora lei non ha un libretto", emaperòlibrettomangiaresenzasoldilibretto, ricontrollo su computer "signora, lei non ha un libretto" emaperòlibrettomangiaresenzasoldilibretto, verifica "l'ultimo libretto l'ha chiuso vent'anni fa" emaperòlibrettomangiaresenzasoldilibrettolibretto, verifica su cartaceo "signora, lei non ha un libretto" emaperòlibrettomangiaresenzasoldilibrettolibrettolibretto, interviene il direttore di filiale "signora, lei non ha un libretto" emaperòlibrettomangiaresenzasoldilibrettolibrettolibrettolibretto.
 Mamma tace e lascia che la Nonna faccia la figura da sè, in loop ad lib.

 Comunque, per sfinimento, alla fine la banca stampa un bel cartoncino col numero di conto corrente.

 Col placebo cartaceo, la Nonna smette di emaperòlibrettomangiaresenzasoldilibrettolibrettolibrettolibretto.
 Non è convinta, già tornando a casa brontola che però illibrettoillibrettoillibretto, ma per il momento...

 Poi arriva a casa e, per nascondere tra le calze il cartoncino, trova una bustina di plastica, quelle con dentro la tasca trasparente e fuori zigrinatino blu in cui davano, una vita fa, le tessere bancomat. O i libretti della pensione. O le rubriche omaggio.
 E dentro questa bustina, un cartoncino col numero di conto corrente, versione ancora scritta a macchina di quello nuovo stampato al laser che ha in mano: ecco, quello lì, per lei, è "il libretto".
 Quello che non c'era, e lei aveva guardato e non c'era e adesso c'è.

 E fin qui, classico Tambarna-pensiero: il problema è che, da lustri, la Nonna preleva al primo del mese tutta la pensione e la mette nelle buste tra i calzini.
 Ne spende ogni mese metà o meno e il resto resta a gonfiare le buste di contante.
 Ogni tanto passa uno dei suoi meravigliosi artigiani che fanno tabula rasa, pagati in neronerissimonererrimo con tutte le buste sparse, e si ricomincia.
 Non si è mai riusciti a fargli capire di prelevare quando serve, se la busta è piena usa quelli.
 Niente da fare, la Tambarna preleva sempre la cifra intera e divide in buste e bustine che così gestisce tutto.
 E questo è male.

 Ma adesso è peggio: non sa più che giorno è.
 Quindi va a prelevare tutta la pensione a casaccio, anche due o tre volte al mese - pescando dai risparmi lasciati del Nonno.
 E ha più buste di soldi che calze nei cassetti...

 Lo Zio Desaparecido, informato dopo il fatto, pensa che la Nonna sia da interdire.
 La Mamma pensa che la Nonna sia da Terminare, un colpo secco e via: che, se non può prelevare direttamente, vien su ogni tre per due a chiedere che devepagarelidraulico e senzasoldisenzaaffitto e labollettachescadefraunmeselapago.

 AAA Trista Mietritrice cercasi...

10 commenti:

  1. ImpiegataSclerata15 dicembre 2014 13:28

    Ho già fatto patti in giro che se dovessi diventare così c'è da assoldare un sicario senza se e senza ma.

    RispondiElimina
  2. ..a loco', mo' fra un tot diventeremo puro noi così, che ti credi ?

    Anonimo SQ

    PS Interdire interdire interdire

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è quello che mi preoccupa,l'ereditarietà.

      Che c'è modo e modo di'invecchiare, ma dal DNA non si scappa...

      Elimina
  3. Quanto pagate? Perché c'è diventar vecchi e diventar vecchi, eh!

    RispondiElimina
  4. Gli eschimesi portavano i vecchi sul ghiaccio e poi arrivava l'orso bianco . L'orso bianco mangiava il nonno e poi il figlio uccideva l'orso che si era nutrito dell'avo e la carne dell'orso nutriva il nipote. Così il ciclo della vita funzionava senza buste e senza bollette. Bei tempi.

    PS: Interdire al più presto.

    Ornella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eschimesi, in giro, nessuno?

      (che orsi bianchi, con la temperatura di questi giorni, mi sa che si fa fatica)

      Elimina
  5. PS 2: Noi non diventeremo così. Noi abbiamo il Furio, o la sua versione pantera nera , che ci salva da certe manie.

    Ornella

    RispondiElimina
  6. Più che ad un'interdizione (che ha una procedura luuuuuuuuuuuuunga) se c'è l'accordo di tutti i parenti più stretti proporrei la nomina di un amministratore di sostegno. E'una figura nata proprio per far fronte a questi casi. Se servissero info fammi un fischio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, no, la Nonna è insostenibile.
      Meglio un sicario di sostegno.

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...