sabato 1 marzo 2014


E intanto, il Furio...

10 commenti:

  1. Colazione a domicilio, cosi spalano gli altri? Spesa via elicottero?
    Messo bene direi! :-(
    Prova a mandare il furio con un sacchettino attaccato al collo
    Qui pioggia e vento
    Elisa

    RispondiElimina
  2. ImpiegataSclerata1 marzo 2014 20:37

    Wow, il cappuccio con brioche del Mario deve essere un vero portento. Ma evidentemente il cappuccio non piace al Furio.

    Oh, però, se pure qui sul mare abbiamo qualche montagna innevata dietro la schiena vuol dire che lì fa proprio un freddo cane. Brrrrrr.

    E fra una ventina di giorni dovrebbe essere primavera?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qui era primavera una settimana fa.
      Non ci son più le mezze stagioni.

      E non ci son più neanche le brioches dal Mario. La statale è bloccata e quindi mani niente panettiere...
      E io, come la faccio colazione?

      Elimina
    2. aggiornamento: pane arrivato.
      Perchè è andata la Negoziante Surgelanda a prenderli, secondo la logica teoria che gli stranieri non possono venire su e passare sotto la valanga incombente, ma i residenti possono andare giù sotto la stessa valanga incombente.

      Che dovrebbe aprirsi tipo Mosè attorno al residente, o essere razzista e aspettare quello di giù, si suppone.

      Comunque, neve arrivata al livello del balcone, leggerissima: oggi per uscire ho in pratica guadato attraverso della panna montata che mi arrivava sopra le ascelle.

      Ma, guada te che guando me, sono arrivato anche oggi alla brioche, ed è quello che conta.

      Furio saluta, è qui che mi controlla: si sta annoiando, è uscito ma non è potuto andare da nessuna parte.

      Elimina
    3. ImpiegataSclerata2 marzo 2014 11:51

      La Negoziante Surgelanda è una vera Negoziante DOC DOP! pwer le brioche questo ed altro.
      Certo, i residenti son protetti dall'Alto. Gli altri vabbè.
      Aehm... Ho appena visto il TG. I metereologi dicono che nevicherà ancora di più?!?! *__*
      Povero Furio.
      ARGH!

      Elimina
  3. Poveri mici!!! Anche la mia è in castigo: terrazza e ballatoio tutti bagnati , non le rimangono che piccoli giri su e giù per le scale e tanta nanna in poltrona. Ma a voi la Statale quando la riaprono ?
    Ornella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. boh: che l'ANAS aspetta la provincia, che aspetta il prefetto, che aspetta il parere dei comitato valanghe, che prende l'elicottero, che butta delle cariche per il distacco e poi aspetta il tecnico e poi parla con la Finanza che blocca le strade coi carabinieri ed i vigili del fuoco e gli alcolisti anonimi...

      L'unica speranza è che la valanga gli arrivi sul capoccione, o che arrivi la primavera ed il disgelo.

      Intanto, strada chiusa, i turisti bloccati qui scendono a scaglioni di dieci auto (un po' come i convogli per evitare gli U-boot, si che gli esperti sanno che le valanghe non lanciano siluri).

      Elimina
  4. Non ho parole. Seguiamo l'esempio di Furio, mettiamoci comodi e aspettiamo ?
    Ornella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non devo andare da nessuna parte, e ho una scorta di scatolette (e crocchi)

      Domani dan neve e da martedì pomeriggio deciso rialzo delle temperature, quindi sarà tutto un seracco.

      Elimina
  5. Non potrei mai abitare nel posto dove stai tu, odio la neve ed odio sentirmi prigioniera.
    E odio anche spalare.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...