giovedì 28 novembre 2013

Appendere la Bici al chiodo

 Quante volte l'avete sentita declinare, la cosa di appendere la XXX al chiodo, per qualunque valore di XXX.
 Posso dire una cosa.
 Attaccare la bici al chiodo non si può fare.
Non è tanto che uno, Bartali ci nasce e ci resta. E che l'impulso a dar di pedivella sia come una droga.

 É proprio che una bici su un chiodo non ci stà, al burla giò.
Ci vanno un buon paio di staffe nel muro e, per fare le cose pulite e non dover svitare un pedale per rimontarlòo contrario, anche un buco nel muro dove infilare la pedivella (buco che farò, il primo giorno che ho un trapano).
 Che far le staffe più sporgenti, poi mi tocca sul tetto della Punto con l'Iperspazio.

 Si vede che da giovane giocavo con i chiodi e a Tetris?

7 commenti:

  1. Sì, si vede :-))
    Riguardo al buco nel muro, mi sa che non ti basterà il trapano, dovrai dar su anche di scalpello e mazza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. naaaaa.
      Parete fatta con i pannelli di una cassa di un macchinario - cassa che mio papà ha incamerato che 'non si sa mai' e che io gli ho sottratto nottetempo.

      Elimina
  2. E nella parete fatta con la cassa di un macchinario ci è stata anche una finestra? Anche tuo papà in quanto a tetris non scherza :-)
    Il sangue non è acqua
    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, è tutto lavoro mio: profugo style, nello stile di papà.
      Ma perchè io davvero non ho soldi,non perchè ho il braccino corto.
      E il mio sta in piedi, oltretutto.

      Elimina
    2. e della lampada vintage puro anni'70 in smalto arancio scuro, vogliamo parlarne?

      Elimina
    3. ImpiegataSclerata29 novembre 2013 12:33

      Un vero tocco di classe.
      L'arredamento vintage è tornato di modissima.

      Elimina
  3. La lampada non l'avevo notata, e in effetti ci sta benissimo
    Elisa

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...