giovedì 28 febbraio 2013

Pane e Rupicapra

 Anzi, Rupicapra rupicapra.
 Cornini, più scuro, muso con banda bianca centrale e chiappette brune. A differenza del capriolo color camoscio (marroncino), corna dipende e portacoda bianco.

Dicevo, rupicapra rupicapra.  Detto non Rupi, ma camoscio, per gli amici.

E finisce che diventerò amico anche con lui, non solo col capriolo bonzo.
Giacchè era qui dietro casa...

Ma, oh, gatti, caprioli bonzi, camosci: ma li devo mantenere tutti io?

8 commenti:

  1. Vedila così: essendo tu umano, quindi di una razza superiore, oltre agli onori ti pertoccano anche gli oneri :-)

    RispondiElimina
  2. Locomotiva, purtroppo devo informarti che non si tratta di un
    rupicapra ma dell'avvistamento del mitico: Dahu
    http://it.wikipedia.org/wiki/Dahu

    RispondiElimina
  3. nel tuo caso si tratta di un: dahu destrogiro
    "Nelle Alpi italiane è nota la sua presenza nelle Alpi Marittime e Cozie, fin verso la Val d'Aosta e la Svizzera (Alpi Graie e Pennine"
    Il paesello tuo diventerà famoso per l'avvistamento del Dahu se tu lo presenti nel sito che stai costruendo per il tuo comune. Meta di pelegrinaggio per ecologisti di tutta italia.

    RispondiElimina
  4. Le voci circolano anche tra camosci, rupicapre e dahu che siano: "guarda che al paesello c'è un tipo simpatico che nutre i passanti". Ci sarà un modo di dirselo in camoscese?
    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, gli dai un dito e vogliono tutto il braccio.
      Vedi che succede ad essere buoni?

      (Bhe, son buoni anche loro, e finiscono con patate...
      Ah, se non ho capito male, prima o poi qui fan la cena clandestina della marmotta: spero che almeno quella non si proponga, o riproponga)

      Elimina
  5. Chiavi di ricerca, aprile 2013:
    pane a caprioli

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...