domenica 6 gennaio 2013

Una piazza - ben cotta, grazie.

Da www.thatssoyummy.com
 Che, nel post precedente, narravo le mie avventure nel rifare il letto (argomento emozionante, me ne rendo conto) perché per Natale, i miei mi hanno regalato lo scaldasonno.

Sottomarca, va da se.
 Quello di marca ce l'ha solo mio Papà nella sua metà del letto, e 'gestisce' lui il comando con la regolazione della temperatura per il suo letto.

 A me, l'idea di entrare in un letto già caldo fa un po' strano, ma con l'arietta (polare) che tira, sbaracco tutto il letto, caccio lo scaldasonno farlocco sul materasso (parte pelosa o panno, in alto? Io ho messo il panno) e rimonto tutto il bric-a-brak di coperte.
 E leggo le istruzioni.

 Il quale foglio d'istruzioni dice: 'mezz'ora prima di andare a dormire mettere sul II - se si ha freddo dormendo, mettere sull' I'.
 Che essendo sottomarca, la bottoniera di plastichina molliccia da solo 0, I e II e non un cursore di regolazione.

 Metto sul II, torno dopo mezz'ora, m'infilo sotto le coperte...
 E mi viene il dubbio che abbiano fatto confusione tra il foglio della coperta elettrica e quello della ricetta della trota al cartoccio.

 Adesso, fatta pratica, mettendo sull'I un quarto d'oretta, ho giusto giusto quell'effetto tepore di evitare i piedi gelati che devono scaldare le coperte altrettanto gelate.
 Basta saperlo. Con sudata esperienza.

14 commenti:

  1. ImpiegataSclerata6 gennaio 2013 12:22

    La sottomarca... Sigh....

    Io ho ricevuto ben 2 dicansi 2 pigiami. Di tipo sottile molto poco invernali, veramente ganzi ma decisamente inadatti a morti di freddo come me.... Vabbè... E' il pensiero che conta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, a maggio e a settembre farai un figurone...

      Anonimo SQ

      Elimina
    2. ImpiegataSclerata7 gennaio 2013 13:35

      Oh sicuro sono davvvvvero fighissimi. Solo che... Con quelli che ho già ne ho per almeno 10 ricoveri ospedalieri (facciamo le corna)...

      Elimina
  2. Io che sono qui con la caldaia rotta e la stufetta a tutta birra uno scaldaletto lo apprezzerei....
    Ma se fai a cambio con quello di tuo padre dici che se ne accorge?
    Brrrrr
    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, guai: che il suo originale ha il cursore che va regolato, e va regolato con calcoli astrusissimi in base all'astrattismo termico del Babbo.

      la logica binaria, anzi ternaria del 0-I-II non si addice al Papà.

      Elimina
    2. e, mi viene da aggiungere, vedi il vantaggio di non avere Nonne, lì.

      Che sta arrivandoi il freddo polare, geleranno i tubi, mororemo tutti ibernati

      E la stufetta, ci son o i fili piccolì, prenderà fuoco la casa...

      Elimina
    3. Confido arrivi prima il tecnico del freddo polare. Se sei in crisi ti ospito :-)
      Elisa

      Elimina
  3. Io mi avvolgerei nella carta stagnola. Così, tanto per fare la ricetta della trota completa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ImpiegataSclerata7 gennaio 2013 22:48

      Siiii. Così gli ufo nelle ginocchia non potranno comunicare con quelli fuori dell'atmosfera per avvertirli che stanno per essere laserizzati!!!

      Elimina
    2. Hmm, mi piace, 'st'idea...

      Elimina
  4. Ehi, caro, per forza che ti fa l'effetto trota al cartoccio, l'hai messo al contrario! :)))
    Allora, il panno verso il materasso, il pelo verso l'alto, così il calore è più tenue, la parte più calda, dove corrono i fili che riscaldano, toglie l'umido dal materasso.
    Smonta tutto, rimonta e vedrai che va meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah, ecco, ma mi pareva che la Legge di Murphy non ci mettesse il becco.
      Due lati, 50%, e beccco quello sbagliato.

      Vabbè, smonto tutto il trigomiro e lo rigiro

      Elimina
    2. ;)) a Stromboli lo uso molto, perché, si sa, il mare d'inverno è maledettamente umido e il vento freddo ti entra nelle ossa.

      Elimina
  5. Chiavi di ricerca, gennaio 2013
    Scaldaletto fa sudare ?

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...