giovedì 29 novembre 2012

caldi caldi, appena sfornati

 In questa valle di lacrime, almeno un lavorino piccino me l'han pagato - appena in tempo, che qui 'la tremenda ondata di maltempo' ha fatto i primi dieci centimetri di neve - Sulle piste appena più su, 85 di neve compatta, ma qui dieci di paciocco: maltempo, tzè.

 Dicevo, sono andato a sputtanarmi il sudato salario, appena incassato.
 In sacchi di pellets.

 Ecco, i pellets a chilometri zero hanno un vantaggio: che li fanno sul momento.
 E ti mollano trenta sacchi ancora caldi caldi, appena sfornati - o meglio appena compressi al punto da far scaldare e 'appiccicare' in salsicciottini la segatura.

 Ecco, a me piace l'odore della segatura alla mattina e quattro quintali e mezzo di legna tiepida fanno un bel profumino, mentre la Punto con L'Iperspazio sciaborda nella neve marcia lungo il chilometro e duecento metri verso casa.

 E vedere finalmente in uso il piano ad L che avevo lungamente studiato, non come sponda per il mucchio d'emergenza ma come base per la seconda fila di sacchi, aiuta a guardare l'inverno con meno preoccupazioni.

 Per la cronaca: mi ero preoccupato di quanto si doveva pulire la stufa, bruciando i pellets farlocchi del super.
 Mi riempivano il cassetto della cenere dopo un singolo sacco, ero sempre lì coll'aspirapolvere a cavare roba dalla stufa - e poi a cavare la roba dal filtro dell'aspirapolvere intasato.

 Adesso, col pellet a chilometri zero, mi fa un cucchiaio di polvere al giorno - do una aspiratina al braciere un giorno si ed uno no, giusto perché sono un noioso precisino.

 Mi chiedo cosa diamine ci fosse dentro, a quei sacchi del super in offerta...

13 commenti:

  1. Si potrebbe ritornare alla teoria del riciclo di casse da morto con tanto di occupante, giusto per far peso?

    RispondiElimina
  2. Adesso ti metto una pulce nell'orecchio.
    Alla domanda del tuo post precedente (cosa ci posso fare?)
    Quanto gasolio per il trasporto dall'estero di pellets hai fatto risparmiare all'ambiente?

    RispondiElimina
  3. quanto gasolio in meno per le ruspe che scavano le tombe di quelli che -tritati in pellets- ho bruciato nella mia stufa, soprattutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non serve la ruspa!
      http://www.youtube.com/watch?v=pLrBci4fuvA

      Elimina
  4. Insomma, alla fine hai caldo in giro o no ? Il bagno è ancora gelido ?
    e il "tappo al camino funziona ?
    Ecco, fossi in montagna come te, allora una stufa come la tua, oppure una stube, mi piacerebbe proprio: vuoi mettere l'odore di legna da bruciare ?
    E passare le sere soltanto a guardare le fiamme e sonnecchiare. Quasi un letargo: un sogno di beatitudine per un insonne come me.
    Ciao, vecchio Loc. Un poco ti invidio e ti ammiro, ecco.

    Anonimo SQ

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il 'tappo' funziona, la stufa sta un po' faticando a tenere il ritmo di questa ondata di freddo ma la casa è tiepida, bagno compreso (che è sul freddino, ma non gelato)

      La stufa è ermetica, quindi niente sentore di legna bruciata: ma, appunto, adesso che non sta al minimo ma deve lavorare un po' per tenere la temperatura, c'è una bella fiamma e un bel getto d'aria calda.

      E io ci ho piazzato la sdraio davanti, alla fiamma ed al getto, e son lì che dormicchio.

      Vediamo se la stufa ce la farà a reggere i mesi più duri, se già adesso fatica

      Elimina
    2. ImpiegataSclerata30 novembre 2012 14:54

      Già, si tende a dimenticarsi che Natale non è pieno inverno ma solo all'inizio.

      Elimina
    3. infatti son parecchio preoccupato: se già mi cede adesso che appena appena accenna a rotolare sottozero.

      Sto elaborando altri piani di modifica d'emergenza della Baita per sopravvivere: se non muoio assiderato prima.
      Che, dicono, è come addormentarsi, non si sente niente.
      potrebbe essere anche un'alternativa...

      Elimina
    4. Non essere egoista con questi pensieri, pensa a portarci tua nonna, d'inverno, alla baita.

      Elimina
    5. quella scappa, vuole stare comoda, al caldo, servita e riverita.
      Mica fa come i vecchi eschimesi che ad un certo punto se ne vanno dqa soli nel Grande Bianco.

      Ah, il manuale della stufa non è chiarissimo, ma c'è un bottone che permette di mettere il turbo alla stufa stessa (o meglio, decidere di mettere un po' più o meno pellet rispetto alla regolazione di fabbrica).
      Sembra più pimpante, col 10% in meno di rendimento del carburante

      Elimina
  5. Adoro quelli di abete. Quando nessuno mi vede, li annuso con intensità, talvolta inserendomeli in narice.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è chi si accontenta della coca, ma in effetti...

      Elimina
  6. Chiavi di ricerca, dicembre 2012
    Scansie da garage

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...