sabato 17 novembre 2012

la plastica è per sempre

 Questa l'ho appena scavata.

 É  una biro promozionale dell'aziendina del Nonno e dello Zio Desaparecido, prodotta alla fine degli anni'70.
  Plastica gialla triangolare, bella massiccia, punta della bic.

 L'ho appena trovata cercando di pulire appena fuori dal mio muro del giardino. Come ci sia finita, non so.

 Sono quei corti circuiti mentali:

- questa plastica, lavata, è come quando è caduta oltre il muretto venticinque anni fa, con ancora le mordicchiature sul finale.
 Quanta plastica abbiamo sparso su questo pianeta? Quanto schifo abbiamo irresponsabilmente seminato?

- il Nonno se n'è andato ormai da quanto tempo, aveva fatto, aveva costruito, e cosa gli è rimasto? A parte questa penna sotterrata.

- la giacca a vento nera e blu che avevo al funerale, che somiglia stranamente a quella che ho ancora oggi.

- guai a giocare a palla: quando ero qui alla baita in ferie, se la palla usciva dal recinto del giardino andava o nel campo di patate davanti (e guai, che la vecchia vede le orme se entri), nel campo di ortiche sotto o nel giardino della casa abbandonata dietro.
 In questi giorni in cui le foglie cadono, mi pare di intravedere un supertele blu caduto in quella giungla quando avevo sette anni...

- che gusto hanno, qui: hanno spianato le ortiche ammucchiando tutta la terra contro al mio muro.
 E han lasciato tutto lo schifo lì, così com'è. Per anni.
 E adesso sono io con la mia paletta a far ordine, e con la paura di 'cosa dirà la gente', questa gente per cui sono un estraneo.

 Son malinconie.

6 commenti:

  1. La solitudine non ti si addice...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahimè, è la mia condanna: da solomi sento solo, ma con gli altri sto peggio.
      Mi ci vorrebbe un lavoro, uno che mi lasci poco tempo per pensare...

      Elimina
  2. La neve che sta per arrivare ingentilirà tutto, almeno fino a primavera, buon vecchio Loc!

    Anonimo SQ

    RispondiElimina
  3. ImpiegataSclerata19 novembre 2012 16:12

    Se si pensa che, mi pare, nell'Oceano pacifico, a causa delle correnti marine ma soprattutto della zozzaggine umana, si è formata un'"isola" di plastica grande 2 volte gli Stati Uniti... Ed è in continuo aumento...
    Rabbbbrividiamo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ce l'ho: era uno dei 'post di scorta' che ho qui in lista.

      te lo metto domani, che ho la coda vuota.

      Elimina
    2. ImpiegataSclerata19 novembre 2012 19:07

      Come sempre aggiorantissimo. WOW

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...