martedì 25 settembre 2012

Non è perché è troppo giovane

 Un po' a scoppio ritardato, ma mi è venuto un pensiero inquietante.
 Renzi, Matteo Renzi.
 Bestia politica che ancora non ho capito bene, ma m'incuriosisce.

 E tutti i vecchi tromboni che lo dipingono, tra l'altro, come troppo giovane e inesperto per andare in Europa.
 Addirittura si allargano ad usare quel 'unfit', inadatto, che aveva sparato in copertina con forza l'Economist su Berlusconi. Che, sciur D'Alema, seriamente: tra l'opinione sua e quella dell'Economist, voglio dire...
 Casini è quello più diretto: 'Fa ridere immaginare al prossimo vertice con la Merkel MatteoRenzi al posto di Monti. E finché rido io, nessun problema: ma secominciano a ridere in giro per l'Europa...'

  Ma insomma, il coro di quelli che 'al rogo, al rogo' che è giovane e sgarzolino.
  Eppure...

  Eppure, un dubbio ipotetico ce l'ho.
  A me non preoccupa che sia giovane.
  A me preoccupa che sia toscano.
 Che sia sul serio il tipo di toscanaccio irriverente che interpreta sul palco, o che gli cuciono addosso le clip che scelgono per mostrarlo in TV.

 Non lo so, me lo vedo che chiamato al palco, salta da sedia in sedia e fa un discorso in un inglese inventato e straripante al Parlamento Europeo.

 Me lo vedo che nel bilaterale, guardi Frau Merkel e dica che la sbidiguglia dello spread come che fussa antani come la presidenza del consiglio brematurato del bund con cartolarizzazione a destra, se vuole, per due...

 Sarà che mi ha fregato l'immagine cinematografica e televisiva della toscanità...

 Poi, penso, abbiamo mandato agli incontri con la Merkel un bolso cantante da crociera e le sue barzellette.
 Anche si mettesse a cantare 'O' Bu'haiola', dubito che il giovin Matteo farebbe peggio.

6 commenti:

  1. Certamente D'Alema è l'ultimo che può parlare visto che lui ha sdoganato Berlu ai tempi in cui era all'opposizione. Mica un bell'esempio da seguire di sicuro.
    Elisa

    RispondiElimina
  2. Umilmente, non perchè il LiderMaximo mi sia simpatico: io ricordo che SB stava all'opposizione, però i margini di maggioranza erano risicati, e faceva un ostruzionismo così forte che praticamente, facendo mancare sistematicamente il numero legale alla Camera bloccava qualsiasi legge. Così il povero Md'A. pensò di imbrigolarlo con la storia delle riforme e della bilaterale, purchè i lavori parlamentari potessero procedere.
    Così tutti capimmo che fregare SB, in una trattativa, è impossibile. Però, almeno qualcosa andò avanti. E Mediaset si rimise a posto i conti. O mi ricordo male ?

    Anonimo SQ

    RispondiElimina
  3. Potremmo restare nel XXI secolo?

    Che, sinceramente, uno dei motivi per cui lo sgarzolino toscano m'interessa è che non ci puoi fare troppa dietrologia e ricordare quando nel millenovecento e qualcosa disse e fece.
    Tuttalpiù, avrà usato l'influenza di papà per diventare capo-lupetto degli scout.

    Tre quarti della politica italiana viaggia con gli occhi fissi allo specchietto retrovisore, accusadosi di quello che avevano fatto quindici anni fa ed i risultati si vedono.

    RispondiElimina
  4. Chiavi di ricerca, settembre 2012
    Matteo Renzi, 3

    RispondiElimina
  5. Ne parlano anche qui (messa così sembra spam, ma era sorta di modo per proseguire il tuo ragggggionamento)

    http://www.wittgenstein.it/2012/09/30/non-uno-di-noi-2/

    RispondiElimina
  6. Questa cosa del Non uno di noi rimbalza.

    Visti chi sono i 'noi', la geronto-nomenklatura e il geronto-elettorato ideologico, capisco l'imbarazzo.
    Resta che il personaggio Renzi - visto e sentito parlare e non tagliuzzato - dice cose incomprensibile per chi parla solo il gerontopolitichese ma non insensate.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...