martedì 11 settembre 2012

Lo sbrego nel soffitto

 E, no, non è il Papà.
Cucù!
 L'ho fatto io.

 La teoria è che il calore della stufa sottostante salga attraverso il buco e scaldi anche la stanza da letto.
 Dopo aver opportunamente munito lo sbrego di griglia sotto e di sportellino sopra, va da se, non lascio il pertugio così - come farebbe l'Apostata del Provvisorio.

 Stufa in arrivo: il tubo che vedete è di una vecchia stufa a kerosene che se ne andrà per far posto ad una pellet da 10 Kw.
 E, si, aspettatevi un remake della Saga della Stufa Strikes back -  Appena lo saprà la Nonna brucerà la casa, crollerà il camino, i fulmini, il tetto, la neve, LE CAVALLETTE!

Occhio che controllo...
 E mo' quasi siamo alla congiura degli innocenti, reprise...

 E già che foravo, fora te che foro me, ho aperto il varco per i cavi dal contatore nuovo - che finalmente ho un contatore e non siamo più a mezzo servizio con lo Zio Desaparecido a fianco (che, ho scoperto, desappare proprio venendo a nascondersi qui).

 E non finissse qui...

11 commenti:

  1. Premesso che io non ne capisco una cippalippa di questioni termiche, il pertugio mi pare troppo piccino per riscaldare alcunché.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammetto, è un esperimento abbastanza buttato lì.
      Il buco è grosso quanto la griglia di plastica che ho trovato al fai da te per tre euro.

      dovendo fare un buco di dimensione ignota, ho cominciato da quella misura lì, poi vediamo.

      Perché il calore va certamente in su, il buco fa certamente effetto camino, ma non so quanto caldo entra - anche tenendo conto che la stanza sotto sarà più o meno sempre calda e quindi il calore continuerà a salire.
      Ad allargare il buco siam sempre in tempo.

      Elimina
    2. ImpiegataSclerata11 settembre 2012 21:26

      Ottima idea.

      Elimina
  2. Come per il sale: ad aggiungere si fa sempre in tempo :-)
    Buon lavoro
    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prova ad aggiungere sale alla polenta e poi dimmi.

      I buchi nel muro, come si dice, 'meglio il buson che il tacon.'

      Elimina
  3. Non sono un termotecnico, ma mi sembra piccolino per muovere calore per convezione: e metterci una griglia calpestabile ? Unico inconveniente possibile, ospiti con gonne e spettatori al piano di sotto...
    Oppure una ventolina, per fare una ventilazione meccanica ? La stufa è stagna, no ?

    Buon lavoro !

    Anonimo SQ

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'idea di una ventola era il piano C.
      Ho già messo via un ventilatore preso da una stufa a gas (na delle tante baracche che mio Papà ha accumulato, e che mnio Fratello Ha Sparito dopo avergli espiantato motore, ventola e termostato.

      Però, se il piano A proprio non va, c'è ancora il piano B di allargare il buco al doppio - cioè la misura della griglia più grossa che hanno al fai-da-te.

      Elimina
    2. Forse ce ne vorrebbero due di ventoline, una per mandar su l'aria calda, l'altra (messa altrove) per tira giù l'aria fredda: era il piano D ?

      Anonimo SQ

      Elimina
    3. l'ipotesi di fare un contro-buco per far sfogare naturalmente la sovrapressione è da qualche parte nelle 'varie,eventuali, misure disperate e similia'.
      Era più che altro pensata per il bagno, che è proprio piccolo (altri sbreghi in arrivo) mentre la camera penso possa assorbire e disperdere il flusso di una ventolina banalmente negli spifferi verso il corridoio e la stanza a fianco.

      Ammetto, la ventola 'contraria' per aspirare l'aria fredda non l'avevo considerata.
      Me lo segno sotto 'extrema ratio'

      Elimina
  4. primi freddi, primme accensioni di stufe, prime impressione.

    Più che un buco nel soffitto, un buco nell'acqua.

    Mumble mumble...

    RispondiElimina
  5. Chiavi di ricerca, gennaio 2013
    Se faccio buco nel soffitto per riscaldare la stanca aria calda sale

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...