lunedì 17 settembre 2012

La fantasia al potere


  «Aboliremo l'Imu, la casa è un pilastro»

Sono sopraffatto dalla genialità e dall'originalità di quest'uomo.

(e qualcuno gli crederà...)

Sono tra quelli che si chiedono perché non c'è mai uno Schettino quando serve.

7 commenti:

  1. Balla che funziona, non si cambia.

    RispondiElimina
  2. ImpiegataSclerata17 settembre 2012 09:58

    La stavamo aspettando tutti, sta' sparata.
    Son soddisfazioni poter dire "come volevasi dimosterare..."...

    RispondiElimina
  3. Ma secondo voi, quanti Italiani gli daranno il voto, vendendosi per quei trenta denari dell' IMU, come fecero con l'ICI nel 2008 (io non spendevo + di 200 €), pur sapendo così di mandare alla rovina i loro comuni allora, ora la credibilità dello stato ?
    Io temo molti, tanto che, tra PDL e M5S pensare ad un centro sinistra responsabile sarà impossibile per carenza di sostegno. Se ci va "bene", ci ritroviamo Monti, ma penso ci andrà male.

    Anonimo SQ

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ImpiegataSclerata18 settembre 2012 11:08

      Anche uno solo sarebbe troppo.

      Elimina
    2. Non lo so.
      Temo tanti.
      Soprattutto tra i vecchietti a cui interessa mettere via e tanto non hanno da stare in questo fino al patatrac.

      Anche se, dico, l'aver tirato fuori di nuovo lo stesso copione, ottimismo+aboliamoICI/IMU, come quando nessuno aveva sentito nominare i LEhman brothers, mi da l'idea che non ci sia più.
      Il visir della comunicazione, colui che ha ipnotizzato il paese per diciotto anni, il Sommo Intortatore, ha perso la magia.
      Invecchiato, crollato di botto, spompato, una vecchia gloria buona per le sagre della salsiccia.

      Mi preoccupa si, il fatto che pochi in Italia si preeoccupino del 'dopo': i partiti stanno tutti cincischiando su sciocchezze e tatticismi, e nessuno gli tira i pomodori.
      Ed è il fatto che non ci sia un 'popolo' che tiri il giunzaglio è la base per finire malissimo.
      Voglio dire, la domanda che fanno tutti fuori Italia è 'e dopo?'
      E la risposta è 'boh'.
      Tu li presti soldi a uno che ti dice 'boh'?

      L'unica cosa che ci salva, forse, è che il giunzaglio l'hanno in mano 'altri', i tedeschi, la finanza, lo spread: e quindi i nostri burattini non possono uscire troppo dal seminato, dall'agenda Monti, senza trovarsi nel guano fino agli occhi il giorno dopo, non due anni dopo, non a babbo morto.

      Io lo dico spesso: altro che governo tecnico, altro che briglia corta dell'Europa.
      Facciamoci mandare i caschi blu come in Bosnia.

      Elimina
  4. Ma "Lui" ha già la soluzione pronta, basta stampare più soldi e ripianare il debito. Come han fatto gli altri a non pensarci! Un genio costui. Come quando proponeva di risanare la Fiat vendendo le loro auto col logo Ferrari.
    E tanti genii lo rivoteranno.
    Scusate lo sfogo, grande blog, che la forza sia sempre con te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. negli anni settanta, col 'serpentone monetario, funzionò.
      Molti dell'età del Picinìn nostro se lo ricordano.

      Sono gli stessi che non hanno capito che siamo nel secolo dopo...

      Il giorno che lo dice sul serio, per ritrovare lo spread dovremo usare una trivella...

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...