venerdì 27 luglio 2012

Province e risiko

Da lastampa.it
 Pisa e Livorno in un'unica provincia? La redazione del Vernacoliere si suiciderebbe.
 Idem la rossa Prato, che anche attaccata a Pistoia non farebbe provincia e quindi va a finire dove? Con la democristiana Lucca?
 Treviso dichiara che comuni veneziani farebbero carte false per saltare la barricata, mollare la Serenissima ed ingrassare la provincia fino a sopravvivere.
 Pordenone vuole andare a difendere il Tagliamento prima che gli austriaci di Udine li inglobino.
 Piacenza non si è piegata al regime Parmense quando era un Granducato sotto Maria Teresa D'Asburgo, figuriamoci se lo fa sotto Mario Monti da Varese, tzè.
 Anzi, la leghista Piacenza potrebbe, per la gioia dei lùmbard, mollare l'Emilia e diventare un enorme oltrepò Pavese (Oltrepo piacentino suona male, a livello vinicolo). Magari scritto giusto, senza accento, stavolta.

 Per i parmensi, anche evitati i piacentini, c'è il rischio di trovarsi in casa i quadrispigoluti, come li chiamava Guareschi - i reggiani han la testa quadra, diceva... Reggiani che anche Modena schifa, pare.

 Rieti pensa di disertare dal Lazio per andare in Umbria assieme a Terni, che a sua volta cederebbe una valle a non ho capito bene chi per arrivare al minimo di superficie.
 Calabria e Sardegna, pustolate di province nuovissime, litigano: o meglio i cittadini sardi hanno votato un referendum per abolire le province nuove, ma la politica sarda fa orecchie da mercante.

 'Eh, facciam finta che ci siam sbagliati': Biella torna a Vercelli ed il Verbano-Cusio-Ossola a Novara com'era pre-creazione delle nuove province.
Che il quadrante est - fritto misto di quattro provincette in una, sede Novara - è un vantaggio per Roberto Cota, Leghista, troppe poltrone PDL e PD sarebbero a rischio.
 In tutto questo, che farà Casale e le sue pulsioni indipendentiste da Alessandria?
 Si potrebbe scambiare le abolite langhe Astigiane con il trasferimento della marca del Monferrato al Vercellese+Biellese? Con Roberto Rosso indagato e pluritrombato, manca un appiglio.
 Il tutto condito da visioni apocalittiche, scuole chiuse, monti franati, alluvioni, LE CAVALLETTEEEE!!!



 Bene, ma voi avete capito queste nuove province patchwork che faranno?
 Perché, metti mai, se si occupano di viabilità avrebbe magari senso unire le province su una stessa statale.
 Se dovessero pettinare bambole, meglio non mescolare le bionde normanne del salento con le crespe tarantine.
 E così via.

 Invece, mi pare che sia solo il risiko e il gioco del piccolo campanile, la linea immaginot delle poltrone da non mollare.
 E poi, una volta accozzato abbastanza spazio per restare lì, boh, vedremo.
 Tanto non s'era capito cosa servivano le province prima, dovranno mica avere senso adesso, no?

8 commenti:

  1. Ho come la vaga, vaghissima, impressione che 'sta cosa di eliminare le province sia tutta una presa per i fondelli.
    Tipo gli enti inutili aboliti vent'anni fa che continuano ad avere ancora oggi fondi dal governo.

    RispondiElimina
  2. hahahaha grandioso!! pensa tu se avessero tolto la provincia di trieste, capoluogo di regione (sono insorti tutti alla sola proposta) e spostare tutto ad udine :D
    mi associo a dalle8alle5, soprattutto visto che hanno appena finito di crearne di nuove -.-'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma che v'ha fatto a tutti quanti, Udine?
      Anche da Pordenone stano preparando le barricate...

      Elimina
  3. Da un punto di vista campanilistico, son contento che Vicenza si sia salvata (ed aggiungerei un "ciò").
    Da un punto di vista pratico invece, non capisco come sia stato possibile. Vicenza e Padova sono praticamente l'una la fotocopia dell'altra (anche linguisticamente, cosa che ha dell'incredibile). Se poi consideriamo che l'Altopiano di Asiago è notoriamente infestat... pardòn, pieno di case di vacanza padovane, si sarebbbero potuti risparmiare dei soldini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti cambiare da gattoVi a GattoPD sarebbe stato una seccatura...

      Elimina
  4. Ah Treviso... quella stessa ridente provincia dove vive quel buffo ometto ai più conosciuto come "Lo Sceriffo" che va in giro facendo il saluto romano perchè lui Balilla è stato e sempre sarà? Quello che vuole ricreare il Ventennio??? Quella stessa provincia che all'inizio doveva essere unificata con quella di Belluno alla cui quale siffattamente è venuta una crisi di orticaria e vuole andare sotto l'Austria?
    Non so dalle tue parti ma dalle mie, qui ai piedi delle ridenti prealpi Trevigiane/Bellunesi stanno uscendo tutti di capoccia.

    RispondiElimina
  5. NOn mollano, eh?

    Il caso Terni: vuole prendere Spoleto o Foligno da Perugia
    La campagna acquisti (anti tagli) delle Province
    E Trapani per «annettere» Menfi promette un assessorato.
    Offerte ai Comuni di confine per evitare la scomparsa

    Da Il Corriere dwella Sera

    Vercelli non vuole unirsi a Novara. Verbania guarda a Varese
    Da La Stampa, ed.Novara 3 agosto

    "Il Canavese si accorpi con Biella e Vercelli"
    Da La Stampa, ed.Biella 3 agosto

    RispondiElimina
  6. Chiavi di ricerca, ottobre 2012
    Vernacoliere 2013 funny

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...