giovedì 21 giugno 2012

Legge ammazza blog: ma vedi che c'è?

 E non sono l'unico che se n'è accorto, del comma Ammazza Blog Strikes Back 'rispuntato' magicamente nel DDL intercettazioni.

Pagina di apertura di wikipedia italiana

 Solo che stavolta non si è ancora arrivati a quagliare uno sioppppero internettico.

 Che faccio, mi preoccupo?

5 commenti:

  1. ma concretamente, per me cosa cambierebbe?

    (hanno comunque sfracassato le balle, diciamolo)

    RispondiElimina
  2. Bisogna tornare indieytro all'originale.

    Perchè, e non è bello, questo comma è una fotocopia esatta dello stesso comma già bocciato mesi fa quando wikipedia scioperò e si fece un grande casino in rete.

    E viene da chiedersi se son scemi i politici che lo hanno copiaincollato o pensano che siamo scemi noi a non accorgersene.

    Comunque, che ti cambia?
    Semplice: che se passa, io vado dal signor wordpress e pretendo una modifica. Se non modifichi tu, wordpress deve cancellare il tuo post perché lede i miei diritti.

    E il signor wordpress DEVE, obbligatoriamente, cancellare entro 48 ore.

    Senza che nessuno, non un guidice, non un arbitro, non un 'terzo' che prima legga se effettivamente io ho diritto di chiedere di cancellare qualcosa.

    Non mi va, cancella.
    Grillo dice cose che non mi piace, cancellalo.
    Il tuo commento sull'ultima esternazione di Berlusconi non mi piace, cancellalo.
    Mi stai antipatico, cancellati.

    Una teoria del genere, in cui la piattaforma è responsabile di quello che scrivono i 'clienti', le varie piattaforme sono spinte a tappare la bocca preventivamente a tutti, per non essere multati e non dover fare un sacco di lavoro di cancellazioni 'a muzzo' in base alle richieste di chiccessia.

    Una delle proposte ai tempi del primo sciopero era proprio di mettersi a mitragliare qualunque sito di miliardi di richieste di modifiche e cancellazioni a casaccio: pretendere che il sito del senato cancelli pezzi di legge perché ledono i miei diritti, siti di giornali di eliminare articoli che non piacciono, siti di industrie che modifichino le descrizione perchè dire che nei biscotti c'è la farina lede i miei diritti.

    RispondiElimina
  3. sarebbe da fare. che mer...................coledì.

    RispondiElimina
  4. ImpiegataSclerata22 giugno 2012 19:43

    Non fanno altro che riproporre sempre le stesse cose che non passano cercando di farle passare quando pensano che siamo distratti...
    Recentemente, mi pare, non hanno cercato di far passare, di nuovo visto che non erano riusciti a farla passare alla prima, la solita leggina salva Mr. B. proprio subito dopo il terremoto?

    RispondiElimina
  5. E in estate, complice il caldo e le ferie, i tentativi aumentano :-(
    Elisa

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...