domenica 22 aprile 2012

Dodici di tutto, c'abbiamo.

Caffettiera per masochisti
Da Gli Oggetti Impossibili
di Jacques Carelman
 Che, capita, c'hai una casa nuova e non ancora assestata. Post-perquisizione, la roba si sposta.
 Capita hai bisogno di qualcosa.

 E li scopri che celo celo celo celo, manca. Manca? Ah, no, celo.

La caffettiera per masochisti? Celo.
La macchina da cucire a trazione animale? Celo
Gli occhiali per pelare le cipolle? Celo.
Un incudine pieghevole da viaggio? Celo
La scatolina per trasporto banane? Manca, ma ne posso fare a meno.



 É il vantaggio di una famiglia di 'mio, mio, mio' - la Baita, qui, è il deposito di tutto quello che mia Nonna ha acchiappato e non sapendo dove mettere ha imbalsamato quassù.
 E, con un po' di calma, tra le assurdità, salta fuori anche la padella, la teiera, il portauovo, la scodella che ti serve. - non i sottobicchieri, però.

 E se quello che mi serve per caso non è qui, basta andare a fare l'archeologo nei mille anfratti del Villaggio Atavico. il regno del Papà: le probabilità che ci sia quello che cerco sono altissime (per qualsivoglia significato di 'quello che cerco') Di seconda mano, uscito dalla casa saccheggiata di un vecchio morto, ma c'è.
 Se mio fratello non l'ha sparito, c'è.
 Bacinelle, portasapone per il garage, sto ancora cercando i sottobicchieri - No, il piatto della morta tienilo pure.
  Basta riuscire ad arrivare alla macchina senza essere scoperto col maltolto, e nessuno noterà mai l'ammanco.
  Più facile a dirsi che a farsi, con tutti i parenti di vedetta.

 Ma ho imparato una cosa su me stesso.
 Basta girovagare per i reparti casalinghi ed i negozi tutto ad un euro: sta uscendo, dalla mia (ex-?) casa al Villaggio Atavico, l'Incompiuta, una valanga di fregnacce.
 Un minisalino, il tagliapizza a rotella, il coltellino ricurvo per cucina, la pinza apri barattoli, il piatto diviso in più vaschette per le salsine, insalatiere e contenitori ermetici di ogni ordine e grado, il micro portasalsa di soia, il timer fatto a lattina di birra, abbastanza pagliette da smerigliarci la cupola di San Pietro, ettari di strofinacci.
 La forchettona dosaspaghetti, il kit tagliaformaggio (cinque strumenti), almeno quattro serie di cucchiai per  l'insalata (spaiati, dato che le forchettone sono ottime per girare la vernice o simili). Strano che non abbia mai comprato lo sbucciamela a manovella.
 Sono anche usciti un paio di strumenti che devo ancora bene focalizzare: serviranno a qualcosa, ma chi si ricorda...

4 commenti:

  1. In quei negozi lì sono incapace di non comprare qualcosa.
    A parte i pennelli da cucina in silicone, tutto il resto non l'ho mai usato, quindi soldi buttati.
    Ma è difficile resistere alla malìa di certi cazzilli.

    RispondiElimina
  2. i negozio 'tutto a un euro' sono davvero la morte per qualsiasi portafoglio!
    cmq, lenzuola asciugamani piatti pentole posate bicchieri e qualsiasi cosa ti possa venire in mente, proviene tutto o da mamma o da nonna. ok, qualche acquisto l'ho fatto anch'io, lo ammetto ma il principio è che se c'è qualcosa che non ho urgenza di comprare chiedo: spesso ce l'hanno.
    per cui possiedo un vecchio mattarello, un vecchio frullatore a immersione ma anche con fruste, lenzuola ecc. che credo siano più vecchi di me. eppure sono perfettamente performanti. e non me ne separo mica.
    :)

    RispondiElimina
  3. IL pennellino in silicone è una cosa che mi tenta orni volta che vado in questi posti.
    E ci continuo ad andare...

    Che mi tenta, il pennello e le altre carabattole gommose, ma c'ho questa paura atavica che si squagli.
    Che, no, son fatte apposta, però.
    E in più, dal negozio tutto ad un euro, bah...

    RispondiElimina
  4. Chiavi di ricerca aprile 2012
    Oggetti di carelman

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...