mercoledì 22 febbraio 2012

Rebel Legion at Star Wars celebration VI - il logo (finale)

Otto voti su duecentoundici?
 Che, si diceva, su 211 voti, il mio disegno(*) ne ha presi otto.
 C'è voluto un momento per assimilarlo, ma alla fine per questa cosa degli 8 voti mi sono venuti i lacrimoni.

 Dal ridere.

 Cioè, davvero, ma che film m'ero fatto?

  Ma cosa pensavo, di proporre una cosa ironica a gente che vota Yoda in camicia hawaiana e una arancia/pilota, lontano parente di Melanzana Jones o Al Cacone delle pubblicità Esselunga?
  E che han buttato via un mese di lavoro perché han scambiato un bussolotto per le elemosine per un bicchiere di birra, e ah, no, orrore, l'alcol no, al rogo, al rogo?

 Suppongo che un vero artista avrebbe da mettere il broncio da genio incompreso.
 A me scappa da ridere, non ce la faccio. Non sono credibile come artista. Sarà la costituzione che mi frega, non so.

 Come fai a pigliartela con gli Yankee? Fanno quasi un po' tenerezza, poveri tordi.
 Mi viene da fargli to-to sulla testolina, si, si, bravi, ma che bel disegno...

 Son quelle cose catartiche. Mi si è sgonfiato quel pallone di frustrazione inutile verso la Rebel Legion, che son fatti così e dobbiamo tenerceli.

 Resto dell'idea che comunque, i personaggi su sci, in una convention in Florida siano un'idea troooppo intelligente. Quantomeno troppo intelligente se abiti in Georgia o nel West Virginia.
(*) Idea e bozzetti miei, ma ottima esecuzione di Patty Comino, vorrei ricordare.

3 commenti:

  1. L'ironia non fa parte del dna degli americani.
    Do you remember Padri Pellegrini?

    RispondiElimina
  2. ImpiegataSclerata22 febbraio 2012 12:37

    Ironia? Loro? Eh? Dove?

    RispondiElimina
  3. Chiavi di ricerca, agosto 2012
    Han solo, 2

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...