domenica 12 febbraio 2012

La Differenziata Differente: parte XII

 Previously on ' La (raccolta) differenziata differente': (parte I), (parte II), (parte III), (parte IV), (parte V), (parte VI), (parte VII), (parte VIII), (parte IX), (parte X), (parte XI).

 Passato il Grande Freddo e il Giro Saltato (tutto maiuscolo), la Grande Paura (maiuscola pure quella) sembra quasi passata.
 Nel senso che, va da se, mio Papà è sempre col naso dentro ai Bidoni Escrescenziali di Casa Frankenstain, e controlla ogni sacco, ogni pezzo, ogni tutto.
 Con qualche punta di reverse engeneering da manuale: ovvero, un sacchetto della CoppEsseCorta in un bidone. Cosa conteneva, il sacco? Indifferenziato. Dov'era? Nell'Indifferenziato.
 Uno normale, avrebbe chiuso qui.

 Papà no: da dove usciva il sacchetto CoppEsseCorta? Chi è andato a fare la spesa alla CoppEsseCorta? E sarà stato suo, il sacchetto CoppEsseCorta? Sarà mica della di lui Mamma/zia? Chi come dove quando perché.
 Colpo di genio, si va ad esclusione: non ha dentro le scatole dei gatti, quindi non è l'inquilino X. O l'inquilino X mette le scatole dei gatti dove deve metterle, cioè non nell'Indifferenziato?
 É andato avanti quattro giorni, a rimuginare sul sacchetto giusto nel bidone giusto. Mai saputo chi era andato alla CoppEsseCorta.

Altro problema: la plastica. Come abbiamo detto, discriminata e priva di un bidone, ma a sacchi.
 Qualche inquilino, una volta riempito un sacco, lo metteva nascosto dietro ai bidoni Escrescenziali, nell'area chiusa e privata per i bidoni, invece di tenerselo in casa (di sei metri quadri l'una, quindi dentro ci sta o l'inquilino o la plastica, non entrambi).
 E a mio Papà non andava bene. E stava male, e se Lattilia li vede, e poi non si fa, e poi il giorno è questo.
 Quindi mio Papà andava a togliere i sacchi, e li nascondeva, poi si dimenticava di metterli fuori, poi li metteva fuori lui al momento sbagliato, poi ravanava dentro e non c'erano le scatolette del gatto e quindi non era dell'inquilino X, e non si osa andare a parlare con gli inquilini e ha paura de Lattilia e allora però forse.
 Si potrebbe mettere un cassone per i sacchi, così sono più nascosti, dice mio Fratello. Basta comprarlo.
 Papà era gelato: comprarlo... pagarlo... Argh!
 Insomma, un po' nasconde i sacchi, un po' li lascia lì, un po' li porta al paesello atavico: e ci fa i bollettini quotidiani dei sacchi che vanno e che vengono.

 E uno poi dice: ma non siamo soli in questa valle di lacrime.
 Mica ti salta fuori il solito mister Tizio che al Bar arruola mio Papà per fare dei buchi nei bidoni del Tiziocondominio? E mio Papà, non gli trapana allegramente i cassonetti per metterci catene e lucchetti?
 Motivo? Che la raccolta è il giorno tale e "si deve mettere fuori le pattumiere non prima delle dieci", l'han detto i giornali, dice Mr.Tizio.
 Mentre quei disordinati dei suoi coinquilini erano due mesi che portavano giù la roba quando volevano e riempiano i bidoni un po' per volta. Bidoni che tanto sono sempre lì fuori, a disposizione, e sono sempre stati svuotati regolarmente nel giorno previsto, per mesi.
 Nell'idea contorta che Mr.Tizio si era creato tutto da solo nella sua testolina, il bidone doveva restare vuoto: solo alle dieci della sera giusta Mr.Tizio sarebbe sceso per aprire i bidoni e permettere agli altri di mettere la roba accumulata in casa. E la chiave l'avrebbe chiaramente gestita Mr.Tizio.
L'Houdini del vetro e lattine, il giucascasella dell'organico, Mr.Tizio: solo quando lo dirò io...

 Con il che: bidoni sabotati, condomini inferociti con l'amministratore (che non ne sapeva niente), Mr.Tizio impeciato e coperto di piume, mio Papà insultato per trapanamento di bidoni altrui.
 E che il Papà era già lì che quasi quasi trapanava anche i bidoni escrescenziali suoi, li incatenava e poi teneva la chiave: così acchiappava quello della CoppEsseCorta...

8 commenti:

  1. ImpiegataSclerata12 febbraio 2012 10:16

    La coppietta di trapanatori mannari mancava....

    RispondiElimina
  2. Mi domando come abbia fatto il Papà a non essere coinvolto in un'altra genialata consimile.

    Del solito vecchio scemo che si era convinto che gli rubassero i bidoni, o che glieli spostassero o che ne so.

    E quando sono arrivati gli addetti per svuotarli, li han trovati inchiavardati con catene e lucchetti alla cancellata del vicino.

    Dicono gli abbiano dato la multa, ma saranno leggende metropolitane.

    RispondiElimina
  3. Quindi quando vedo un bidone con il lucchetto è per obbligare gli utilizzatori a portare la spazzatura solo il giorno x all'ora y?
    Svelato l'arcano!
    Meno male che intorno a casa mia sono più anarchici
    Elisa

    RispondiElimina
  4. Non lo so: qualche condominio qui ha bidoni 'speciali' con una chiusura ed una chiavetta di plastica.

    Sono bidoni regolamentari, l'azienda li ha forniti di lucchetto perché sono in dei posti dove 'chiunque' potrebbe buttare dentro roba - a dirla tutta, sono quelli vicino ai bar.
    I bidoni li in giro sono stati trovati spesso pieni di bicchieri di plastica, tovaglioli e pezzi di pizza buttati dentro alla rinfusa.

    Ma la chiavetta di plastica l'hanno tutti i condòmini e gli addetti, che possono aprire a volontà i bidoni a qualsiasi ora del giorno.

    Altre chiusure più autarchiche non so.

    (Devo avere ancora la foto della campana del vetro di Bruxelles, con un buco per il vetro 'bianco' e una per il vetro 'verde/marrone', e l'avvertenza "Non buttarle dalle 22 alle 6 del mattino che fa rumore")

    RispondiElimina
  5. Il sacco delle "scoasse" griffato Vuitton però rulleggia tanterrimo.
    I need it!
    Magari glitterato, sempre meglio dei vampiri glitterati...
    O no? *_*
    :D

    RispondiElimina
  6. Cerco sempre di avere una immagine (quadrata) per ogni post - così appare nelle classifiche e nelle proposte in fondo.
    E non sempre è facile trovare in rete qualcosa che vada bene.
    Ancora più spesso è difficile, se non impossibile, scoprire che sia stato il primo a metterla in rete - se lo scopro, metto di norma il link.

    Quando ho trovato questa del sacco sciccoso, ho detto 'Mia'.

    RispondiElimina
  7. Nel nostro condominio c'è uno sgabuzzino dove si tengono i bidoni dell'umido, della carta, del vetro e quelli dell'indifferenziata. Mancano quelli della plastica perché ce li hanno fregati. Da allora i bidoni sono incatenati al muro e lucchettati, solo l'omino addetto a metterli fuori ha la chiave. Non ti dico le bestemmie dell'omino ogni volta che deve slucchettare e lucchettare.

    RispondiElimina
  8. Immagino la riunione di condominio per il preventivo delle catene e per l'arruolamento dello schiavardatore/movimentatore.

    Cose turche, signora mia, cose turche.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...