venerdì 13 maggio 2011

Politica ed asfalto

 Ogni riferimento alla pettinatura del nostro presidente del consiglio è puramente casuale.

 É solo che sono dovuto andare su al paesello a piedi - e la mulattiera abbandonata c'è ancora, una volta le cose le facevano bene.
 Invece, l'asfalto della strada che porterebbe al paesello è conciata che neanche Beirut: e non migliora anche se regolarmente, una settimana prima di ogni elezione, vanno a rattopparlo un po', bloccando la strada stessa.
 E io a piedi, correrecorrerecorrere a prendere la morsa per la porta della Nonna.

 Nel pezzo transitabile, slalom tra i birilli che stanno riverniciando anche le strisce pedonali - anche qui, sempre una settimana prima delle elezioni. Sarà una coincidenza...
 Ed è una coincidenza che hanno asfaltato anche sopra alle linee appena verniciate, al solito...

 Ora, qui si vota per la Provincia: il presidente è stato arrestato per tangenti, è un anno che siamo senza nessuno che comanda. Ce ne siamo accorti due mesi fa quando scaduto il contratto del bus locale.
Questo per dire quanto conta il potere politico di una provincia (eliminarle, anyone?)

 Ora, visto che non c'è pericolo che un amministratore provinciale faccia alcunché di dannoso, è un voto politico. E mo' son guai. Chi mi voto, stavolta?


Toglierei la sinistra estrema: contraddicendo quanto dicevo una riga fa, anche in provincia la totale mancanza di senso della realtà tipica di 'sta gente potrebbe causare danni ingenti. Un bilancio capitalistico in cui due più due fa quattro è al dilà della loro capacità.

 Piddi: li ho votati per la Regione. In cambio la Bresso è stata trombata, ha fatto l'offesa, ha portato tutti i tribunale e ha starnazzato finché la Lega l'ha zittita concedendo una poltrona per l'Ente Europeo Raddizzamento Banane o giù di lì.
 Ciliegina sulla torta, il piddi schiera anche in Piemonte una serie di felici ottugenari, da Fassino per Torino all'ex-sindaco che mi fece diventare un disertore. Devo votare questa politica da Villa Arzilla?

 UDC: corrono da soli? Ma non erano coi finiani? Com'è che funziona? E la "politica dei due forni" per cui in Calabria hanno un candidato col Piddi, a Milano sono con Fini, qui da soli, e vediamo in giro a seconda di chi ci sgancia più poltrone, bah...

 FLI: i finiani. Villa arzilla due. Col mistero di 'sta alleanza a molla con Casini, e Rutelli che pare più fisso come fiero alleato ma vuol vendersi al miglior offerente per i ballottaggi, come Pierferdy.
 Fini, ai tempi, aveva fatto anche delle osservazioni giuste, ma poi si è arenato sugli alleati (e a livello locale, c'è la storia di Rosso, vedi sotto). Sospetti, i finiani.

 PiDiElle: Allora, la storia di Roberto Rosso: trombato e battuto da Luca Pedrale nella lotte interne di partito, indagato per la sua fondazione a spese della provincia e scappato nel FLI (e, se il FLI ha preso un indagato come coordinatore regionale, ecco che le parole di Fini diventano un pelino fuffa).
 Poi, il buon Rosso incontra Berlusconi in persona, si ravvede, torna a fare il Responsabile - gli danno il coordinamento provinciale piddielle e la nomina a sottosegretario.
 Cortopassi, coordinatore provinciale prima del ritorno di Rosso, è indagato pure lui, quindi ha speranze di far carriera...
 Senza il mio voto, comunque.

 La Lega: ecco, sta crescendo la lega in giacca e cravatta, a cui va un po' stretta l'immagine da bar sport della prima ora.  I leghisti locali si siano dimostrati buoni amministratori e refrattari all'inciucio.
 Gli ordini "da Roma" sono di tenere buoni rapporti coi i fieri alleati Pidiellini, sostenere il candidato comune, dividere le poltrone. E che i loro capi siano succubi dell'inciucio non piace, in zona.
 In qualche comune i locali han fatto la voce grossa e volevano far lista a se, come provincia non si può appunto per questioni di poltrone romane. Quindi, voto lega, voto i Piddielle sopradescritti.

 Quindi? Non mi va di non votare - piace un po' a tutti i partiti, di non avere indecisi per i piedi.
Potrei riprendere la vecchia tradizione locale di mettere una fetta di salame nella scheda e scriverci: "vi siete mangiati tutto, mangiatevi anche questa".

6 commenti:

  1. Non so che suggerimento darti. Forse la scelta migliore è quella della fetta di salame o in alternativa il finale di V per vendetta coff coff coff

    RispondiElimina
  2. Mi associo coff coff coff...


    ImpiegataSclerata

    RispondiElimina
  3. Mi sto avvicinando ai cospirazionisti: più che altro perché 'sto post l'ho scritto giorni fa, preparato, aperto richiuso, riaperto dieci volte, e solo quando il timer l'ha pubblicato sono usciti duemilamila errori di battitura.
    Per me è colpa di Bin Laden.
    Non il sosia che hanno preso, quello vero...

    Ah, oggi han telefonato: hanno invitato mia mamma ad una cena al ristorante figo della cittadina accanto, offrono di tasca loro il candidato PiDiElle ed il ministro Romani, che viene su da Roma in persona per offrire una cena a mia mamma.
    Solo che mia mamma non ci va.

    RispondiElimina
  4. Attendiamo con fiducia che i commenti precedenti riemergano dall'EPIC FAIL della potente piattaforma Blogger.
    Se riappaiono...

    Io intanto sto leggendo il leggibile, e guardando il guardabile (e anche l'ìinguardabile: il comunicato mediaset in cui sono offesi dall'insinuazione che il Tiggiquattro non sia stato superpartes, nonostante sia sempre stato ligio ligissimo al codice di autoregolamentazione, letto ora al TG%, raggiunge vette di umorismo invol0ontario quasi imbarazzanti).

    E ne so quanto prima.

    O meglio: sempre più sospetti il terzo polo che qui lo dice e qui lo nega.
    Piddi stabile in basso, la sinistra un ulteriore passo indietro dopo aver visto Vendola ripete frasi a macchinetta, incollando assieme termini precotti come facevano i sindacalisti in fabbrica dieci anni fa.
    Bossi che farfuglia a Milano fa quasi tenerezza - nonchè sperare di morire con dignità prima di finire così in pubblico.
    E tutto la rabbia schiumosa PiDiElle, sinceramente, abbasta sul serio.

    Boh, c'è tepo fino a lunedì, e si spera un robusto assortimento di vini al pranzo dopo la comunione del cuginetto, domenica.
    Who knows, magari con un po' di bonarda...

    (P.s.: ma il Bonarda o la bonarda?)

    RispondiElimina
  5. Resta un mistero se il bonarda o la bonarda (a differenza di la lasagna/le lasagne).
    Oggi a pranzo c'era Dolcetto e Roero Arneis: e la bottiglia di arneis sul nostro tavolo è stata pippata da me e da quel ganassa del cugino-becchino.

    Non so se è quello, ma sono andato a votare.

    Ho votato lega.

    Pigliatevela con l'Arneis, non so che dirvi...

    Il mio arneis-pensiero è:

    Come già accennato, il terzo polo, ma anche no.
    "Un missino, un democristiano ed un radicale entrano in un'urna" è una barzelletta, non è politica.

    Con un po' di visione strategica, sul lungo periodo serve una opposizione funzionante.
    Votare piddi oggi significa premiare la politica del boh, la classe dirigente bollita già dalla fine del secolo XX e la marea di tafazzate che il piddi si diverte a somministrarsi (e somministrarCi) giornalmente.
    Alla larga.

    Sul periodo più breve, c'è da cavare di lì Berlusconi: siamo fermi da anni a farci gli affari suoi mentre l'Italia va a fondo.

    Per cavare di lì Berlusconi, serve un nuovo leader del centrodestra.
    E, perché il PiddiElle cambi, serve che finiscano l'unico carburante che hanno, le poltrone.
    Che succede quando le sedie sono occupate dai leghisti e il Gran Capo Asfaltato non ha più niente da spartire?
    Che, per paura di restare senza, un sacco di Pidiellini salteranno sul carro di qualcun'altro.

    Infine, i leghisti hanno una politica, sono presenti sul territorio, fanno in concreto, amministrano.
    É una cosa positiva, in fondo.
    Poi, ok, hanno anche Bossi che straparla, ma Nobody is perfect.

    RispondiElimina
  6. Alùra, qui si va al ballottaggio.
    Una cosa mai vista, vecchietti con gli occhi fuori dalle orbite che c'è da andare a votare anche domenica prossima.

    PiDiElle crollato (o con troppi elettori in galera, non si sa), Lega regge ma non supera -quindi il mio piano diabbolico non è servito molto-
    I due tronconi del terzo polo, divise, han combinato poco.

    Quindi, 'mo, secondo turno?
    Vedo sui giornali nazionali che i leghisti sono tutti in fibrillazione.
    Che faccio? Cambio idea e voto quelle mummie del PiDdì, aiutando a scatenare il panico?

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...