martedì 24 maggio 2011

La congiura degli innocenti

 Mia nonna raramente muove la macchina, per fortuna: gli han rinnovato la patente, ma non si osa quasi più. (Edit: e quando ha osato, É Colpa Del Treno)

 Quindi sta piangiurlando in giro perché DEVE andare su a perquisire vedere come gli abbiamo rimontato le bacchette del balcone della baita e qualcuno deve portarla su.
 Ha tirato fuori la faccenda che c'è l'erba da tagliare, e che dovremmo andare su.


 Sittisittiquattiquatti, io e mia Mamma andiamo su a tagliare NOI l'erba, così possiamo star tranquilli: che se la nonna va su poi ci fa il terzo grado.

 Arriviamo, e troviamo mio fratello.
 É un mese che sittosittoquattoquatto va su per nascondersi dai commenti del Papà.
 E la lavora come un pazzo senza che nessuno lo controlli e trovi da dire.

  Adesso si devono fare i salti mortali per tenere giù sia la Nonna che il Papà, mica mai che scoprano che c'è un buco aperto dietro casa per il pozzetto del nuovo contatore dell'acqua.
 Neanche avessimo un cadavere da seppellire...

 Ma saremo una famiglia strana...

35 commenti:

  1. Non siete strani, quando si tratta di legittima difesa tutto è ammesso.
    Dalle8alle5

    RispondiElimina
  2. Visto che non cooperiamo e non ci siamo mossi oggi, adesso, subito, adesso vaneggia di andare su lei con un'altra carampana, e che fan pranzo su, e che non lo so.

    e che potremmo andare su anche noi (che, metti caso, magari qualcuno la porta su).

    Mi verrebbe da scappare in qualche posto lontano, tipo Sucate.

    RispondiElimina
  3. Bravi, così potete parlarci con cognizione di causa di come è fatta la moschea abusiva.

    Comunque.. Massì, lasciate andare nonna e altra carampana a fare il pic-nic su pei monti. Però staccate i cellulari.

    ImpiegataSclerata

    RispondiElimina
  4. Avranno anche un naviglio he passa per il quartiere Sucate?
    magari c'è la fiera...

    e, nel dubbio oggi mi sono portato su l'holter a fare un giro, così magari legge qualcosa di interessante nell'eletrocardiogramma.

    Che mica tutti lo portano su per una scala a pioli di quattro metri a grattare inferriate da ripitturare rosso ferrari...

    RispondiElimina
  5. Il quartiere Sucate ha TUTTO, il mare i navigli TUTTO TUTTO TUTTO.

    RispondiElimina
  6. Il dinamico duo di tambarne ha deciso che parte venerdì, direzioni alte quote.
    Da sole, a trenta all'ora, con la terza inserita ed il motore imballato.

    Abbiamo due giorni per far sparire le tracce di tutto quello che stiamo facendo...

    RispondiElimina
  7. Wow mi hai fatto scoprire un bel film che mi sono persa...

    RispondiElimina
  8. É un Hitchcock minore, che io trovo carinissimo: commedia un po' folle col morto, con Hitch che gioca col colore inseguendo il "foliage".

    Che è una attrattiva turistica americana: andare a vedere le foglie che d'autunno cambiano colore.
    É bastato attaccargli su un nome francese.


    Noi intanto, si sta lavorando per cancellare le tracce, mentre la nonna sta già dicendo che magari va domani, ma magari venerdì, ma però forse sabato, ma però...

    RispondiElimina
  9. Dì alla nonna che il metero ha previsto che domani sarà brutto tempo mentre venerdì danno bello.
    E se domani è bello chissene, tanto il meteo non ci azzecca mai.

    ImpiegataSclerata

    RispondiElimina
  10. Però visto che c'è tutto a Sucate, voglio andarci anche io, dato che ho bisogno di mare ma ho pochi soldi, avere un quartiere a due passi che ha tutto, spiagge comprese, è stupendo^_^...

    Parlando della nonna, mi sa che ha ragione Baba: usa il meteo come scusa oppure inventatevi che le macchine hanno dei problemi...

    RispondiElimina
  11. Pensavo che la Moratti avesse promesso di portare il mare fino in piazza Duomo, se vince.

    Nonna ormai lanciata parte venerdì: abbiamo occultato l'occultabile, per il resto la metteremo davanti al fatto compiuto.

    RispondiElimina
  12. Ho visto il film! Mi ero persa una perla di opera sugli equivoci e coincidenza
    E! Davvero carino!

    RispondiElimina
  13. Yeap, filmetto proprio carino.

    Intanto: mica mai ci annoiassimo, adesso la nonna irrompe anche nella faccenda parabola.

    Che mio fratello ha già messo cavi e prese, ha fatto mezzo impianto, abbiamo già prenotato l'antennista che verrà a piazzare la padella quando potrà, e stavamo andando avanti.

    Per avere la TV funzionante a luglio, quando la nonna va su.

    Solo che non stiamo andando abbastanza veloce, qui di la Nonna è andata lei dall'antennista a chiedere, pretendere di avere l'antenna adesso, oggi, subito.
    Che vuole il digitale per vedere le RAI (vai a spiegargli cosa c'è nel satellite) ma la guarda di sopra e disotto, però magari di sopra no, però magari si.
    E che va su lei, e che vede lei, e che gli fa il caffè nelle tazzine un po' unte perché lavate con l'acqua fredda.

    L'antennista è andato nel pallone dato che aveva già la nostra prenotazione.
    Quindi siamo andati a ri-spiegare all'antennista di far finta di dargli ascolto ma di avvertire noi quando va su che gli facciamo trovare l'impianto fatto - senza spiegare alla Nonna cosa abbiamo fatto che se no non veniamo fuori più...

    RispondiElimina
  14. Mammaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa miaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa.....

    ImpiegataSclerata

    RispondiElimina
  15. oggi temporali, rimandato a lunedì.

    Salvo nuove decisioni...

    RispondiElimina
  16. Umamma: ad un mese abbondante di distanza, Papà torna a casa dal mare ed incontra Mr.Tizio, che gli fa un qualche commento sul buco famoso per il tubo.

    Da che mio papà è rientrato, ha già chiesto informazioni su 'sto huco tre volte a tavola, ed è la quarta volta che arriva in camera di mio fratello a fare altre domande ed ad offrire consigli.
    Nove su dieci, domani mattina parte e va su "per rendersi conto".

    Son finite le ferie...

    RispondiElimina
  17. AAAAAAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHHHH e ci mancava pure Mr. Tizio che non si fa una saccata di cavoletti di Bruxelles suoi, eh?

    ImpiegataSclerata

    RispondiElimina
  18. No, quando mai.
    Son tutti lì che si ficcano il naso uno in casa dell'altro.

    Papà sta bombardando mio fratello di domande.
    Ancora oggi a pranzo, che però ma l'idraulico chi è, cosa fa, ma perché ma percome ma perquando.

    E ripete che lui non lo sapeva neanche, che stavamo scavando - come a dire perché non mi avete detto niente.

    RispondiElimina
  19. Dovete ASSOLUTAMENTE trovare un hobby a tuo padre, uno che possa fare in solitaria, che lo impegni molto fisicamente e cerebralmente e che non comporti il rompere le scatole a voi.

    ImpiegataSclerata

    RispondiElimina
  20. Siamo ancora qui: dopo giorni interi a buttare lì domande sullo scavo senza avere risposte, adesso papà sta vaneggiando che magari un giorno o l'altro potremmo andare tutti assieme su a mangiare là.

    Chissà come mai, adesso vuole andare su.

    E andare su quando ci siamo tutti, così se metticaso ha qualche consiglio da dare c'è qualcuno che ascolta...

    Stiamo facendo orecchie da mercante: se smette una buona volta di piovere, mio Fratello farà sparire le prove prima che si decida ad andare a ficcare il naso di persona.

    RispondiElimina
  21. E siamo arrivati alla conclusione.

    Come nelle migliori commedie brillanti, il gran finale è stato un vaudeville, tutti in scena.

    Ovvero: dopo la gran bufera in cui Nonna, papà, Zio, Mr.Tizio sono diventati tutti matti perché c'era il huco, oh ma quanto grande è il buco, oh e ma non sarà troppo, oh, ma non ci cadrà dentro qualcuno eccetera.

    Mio fratello ha barbottato "buco a-b-b-o-n-d-a-n-t-e-m-e-n-t-e chiuso. bof, bof, basta un buco e diventan tutti matti" e sitti sitti, c'è stata tutta la ragnatela di contatti per far venire l'idraulico ed il tecnico dell'acquedotto per l'allaccio.

    Si sarebbe dovuto fare tutto il giorno X, punto fine. Rapidi ed invisibili.

    Ma...

    Ma il tecnico e l'idraulico avvertono che sarebbero stati disponibili qualche giorno prima, ovverosia ieri - erano nei paraggi.

    E...

    RispondiElimina
  22. E, ieri è anche il giorno in cui la Nonna va su a portare "un po' di roba" che parte la prossima settimana per andare su.

    Che poi "una settimana" ma non va su il week end che c'è troppa gente, e non va su lunedì perché ha ordinato una cosa al mercato, e poi magari torna giù presto se magari si stufa.

    Comunque per questta "settimana di villeggiatura" che dura tre giorni, deve andare a portare su provviste una settimana prima.
    Che la casa è in mezzo al paese, dotato di negozi, edicola e tutti i comfort della vita moderna.
    Ma lei deve andare a riempire la casa come la tana di uno scoiattolo in previsione delle glaciazioni.

    Orbene, ordunque.
    La Nonna è in loco proprio quando arrivano i tecnici - e scopre tutto l'impianto che mio fratello sitto sitto aveva congegnato.
    Mancava solo l'omino che piombasse il contatore per la fornitura.

    RispondiElimina
  23. Quindi, immaginate, Nonna + Zio della casa di fronte + idraulico + Fratello + tecnico acquedotto + Mamma che compila i documenti a nome suo.

    Tutti dentro e fuori per un garage da cui esce un groviglio di tubi - che poi proprio un groviglio non è, ma mio Fratello è uno che strafa.

    Alla fine, sarebbe tutto semplice: per aprire l'acqua c'è una comoda e banale leva rossa. Aperto/Chiuso. Punto, fine.
    Basta sapere quello, in teoria.

    Solo che il tubo entra dal muro, passa dal contatore piombato, da un riduttore di pressione e da li si dirama.

    RispondiElimina
  24. Questo accrocchio di tubi porta l'acqua in casa, e offre un rubinetto per attaccare la lavatrice o un tubo per innaffiare i fiori.

    Che fino ad ora è sempre stato un dramma, attaccare un tubo e farlo spenzolare dalla finestra della cucina.

    Visto che mio fratello è un perfezionista, già che scavava il giardino per il tubo d'entrata, ha anche convogliato le acque delle grondaie in uno scarico interrato - e non contento ha tirato un ennesimo tubo per mettere "una fontana".

    Che uno dice, una fontana?

    La Nonna ha capito una fontana.
    E quindi ha dato in scalmane.

    In realtà è un banale rubinetto sul muro di cinta, in un posto comodo per bagnare l'orto senza dove tirare il tubo di gomma fin dal garage.
    Una cosa intelligente: mio fratello ha ereditato quel senso di praticità e ordine che salta una generazione, a volte.
    Mai mio papà avrebbe messo giù un tubo semplice e comodo, lui è per le cose volanti, scomode e insensate a priori.

    RispondiElimina
  25. Quindi, dicevamo: Nonna + Zio della casa di fronte + idraulico + Fratello + tecnico acquedotto + Mamma che compila i documenti + rubinetto interno + "fontana" esterna + buco nel giardino + grondaia modificata.

    Più Nonna, l'ho già detto, vero?

    Che entra, esce, poi commenta, poi esce, poi entra, poi va a vedere nel buco, poi torna dentro e richiede, poi non capisce, poi torna fuori.

    Come detto, il succo è:
    - leva rossa aperto/chiuso.
    - Rubinetto dentro per lavatrice
    - Rubinetto esterno per bagnare l'orto
    - Bolletta intestata a mia Mamma, quindi zero problemi.
    - Niente più incursioni nel garage dello zio per usare abusivamente la sua acqua.
    - Niente più allagamenti in casa dello zio quando la Nonna apre il rubinetto sbagliato.

    Lo scarico dei tubi per evitare il congelamento è come al solito.

    La nonna, ovviamente, di essere tagliata fuori così, non si capacita.
    Che d'ora in poi deve solo toccare quella leva rossa (e bagnare l'orto, se vuole) ma al resto pensianmo noi, si sconvolge.

    RispondiElimina
  26. Quindi finito il vaudeville, scoperti tutti gli altarini, usciti di scena l'idraulico, scoperto il contatore installato clandestinamente (dalla Nonna), firmato il contratto, usciti di scena tutti, lasciato mio fratello che deve chiudere l'ultimo metro di buco per la "fontana", sembrava essere arrivato il lieto fine, no?

    Voglio dire, tutto risolto, tutto finito, come nel miglior finale del film (o di un qualunque romanzo di Wodehouse).

    Eh, magari.

    RispondiElimina
  27. Stamattina alle sette e mezza, la Nonna tende un agguato a mio Papà.
    Lo aspetta al varco giù in cortile con la scusa del gatto a cui dare da mangiare.

    Lo so perché son tutti e due sordi, e quindi alle sette e mezza li sento tutti e due che gridano come aquile in cortile sotto la mia finestra aperta.

    Nonna agguanta Papà e gli rifila tutta la sequela di cose che non ha capito.

    Tutti i dubbi sull'impianto, passati, presenti e futuri: tutte quelle cose su cui ha pensato tutta la notte rimuginando ed ingigantendo.
    Appunto, la "fontana" è diventata una roba che al confronto quella di Trevi è un catino, nella sua mente.

    E quindi mio Papà si becca tutta una versione astrattista di quello che la Nonna crede di aver capito, e di voler capire, e di dover capire.

    E tutto con un particolare non irrilevante.

    Il papà non sa assolutamente niente.

    Non gli abbiamo detto assolutamente niente.

    Lui è rimasto al buco segnalato da Mr.Tizio.
    Da li in poi, non ha avuto più uno straccio di notizia.

    RispondiElimina
  28. Quindi mio papà è lì che NON PUO' ammettere di non avere idea e quindi farfuglia che, ma si eh ma beh però sarà forse circa.

    E appena rientra comincia a fare cinquemila domande sul cosa come quando perché a mia Mamma, e poi butta furoi una domanda tipo " ma hai bisogno di qualcosa? Cosa manca per chiudere il buco?" a mio Fratello.
    Sottointeso: perché non ne so niente? Perché non mi hai chiamato? Posso venire a dirigere?

    Mio fratello borbotta che, no, c'è solo da chiudere il buco con la terra.

    E basta.

    Niente spiegazioni di cosa c'è o cosa non c'è, in questo buco, Solo che basta spalare dentro la terra e chiuderlo.

    E adesso abbiamo la Nonna in ambasce per aver perso il potere del rubinetto ed il papà che non ha visto il buco.

    Mo vediamo questo inverno, quando andremo a svuotare l'impianto senza che la Nonna possa farlo lei, che non sa più "aprire il MIO rubinetto rosso, chiudere il MIO rubinetto in garage" eccetera.

    RispondiElimina
  29. Maremma zucchina!
    Ci si potrebbe cavar fuori la sceneggiatura di un film, titolo: tutti insieme a scassar la gente.

    RispondiElimina
  30. Concordo con dalle 8 alle 5 ^_^

    RispondiElimina
  31. L'importante è essersi lasciato tutto alle spalle.
    E soprattutto essere sopravvissuti. Orpole!
    Tecnico e idraulico credo abbiano imparato la lezione, e cioè venire quando concordato, nè prima nè dopo.

    ImpiegataSclerata

    RispondiElimina
  32. Ad un mese e mezzo di distanza, finalmente mio Papà è riuscito a fare la combina ed ad andare su per fare un pranzo con un gruppotto di amici.

    A cena si è messo lì ed ha fatto Tuuuuuuta la lista a mio fratello che ha visto i tirafondi schiodati, e che c'è ancora una latta di vernice fatta così, e che però il tubo fatto cosà, e che però le bacchette della cancellata, e ma però il filo del televisore, e ma però le chiavi, la presa, LE CAVALLETTE!

    RispondiElimina
  33. Chiavi di ricerca dicembre 2011
    La congiura degli innocenti (2)

    RispondiElimina
  34. Chiavi di ricerca giugno 2012
    La congiura degli innocenti

    RispondiElimina
  35. Chiavi di ricerca Novembre 2012
    La congiura degli innocenti porta

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...