venerdì 15 aprile 2011

In the nick of time - Il Gasoso (reprise)

 Sono scappato di casa per cinque giorni nel momento preciso - in the nick of time, direbbero gli albionici che ho appena lasciato.

 Non solo mi sono perso parecchi dei commenti post-processo,  risse in aula e ammennicoli vari.
 Su un piano più privato ho saltato cinque giorni col papà e la macchina nuova a benzina/gas, e le sue spiegazioni continue ed ossessive di quanto consuma, e che in salita va meno, però in discesa mi han detto, e allora io faccio così, e vado a gas fin lì, a benzina da qui a la, e poi cambio e giro e tiro...
 E che fa il gasoso perché per fare il pieno devo aprire lì, girare là, tirare qui, e poi fa così...

 Quello che non mi aspettavo, però, è la soluzione spontanea della macchina vecchia.

 Che a macchina nuova prevedeva necessariamente la macchina vecchia da rivendere.
Come si era detto nei commenti. E che si vende, però si potrebbe recuperare le ruote (anche se sono di una misura che non va su nessuna altra macchina di casa), però il bollo è pagato fino agosto e potrei tenerla lì, che però magari la zia la vuole, che se metto un annuncio, oppure la uso solo per...

 La macchina vecchia ha capito anche lei l'antifona, ed ha risolto il problema di propria volontà, con estremo pregiudizio.
 La macchina vecchia si è fatta partire il motivatore la guarnizione della testata, precisamente ventiquattr'ore prima che papà andasse a prendere la macchina nuova - In the nick of time nel senso più esatto del termine.
 Si è messa a fare scif, sciaf, glu, glu, glu, gurgle... decidendo per l'eutanasia.

 Mia Mamma è tutta lì che gongola: ecco, vedi, la macchina vecchia è andata.
 Se non c'era lei a far capire al Papà cosa c'è scritto sull'annuncio, il Papà non avrebbe fatto finta di arrivarci da solo: niente macchina nuova con il supersconto, che (vedi, vedi), l'offerta di questo mese è mille e cinquecento euro in più...
 E, la Forza sia ringraziata, la macchina vecchia ha fatto scif, sciaf, glu, glu, glu, gurgle PRIMA di venderla. Pensa che figura se succedeva appena dopo il trapasso.

Quindi, avanti tutta per un futuro a gas pieno di bottoni.
E la Nonna sta rimbambendo sempre più, prima o poi si incamera che la sua, di macchinetta.

4 commenti:

  1. Amen... Che fortuna... ^_^

    ImpiegataSclerata

    RispondiElimina
  2. Però sta già dicendo che tanto il bollo è pagatpo fino ad agosto, e magari troviamo qualcuno che se la prende e si paga il trapasso, la riparazione e "un due-trecento euro2 per il papà.

    Nessuno vuol metetre un milleduecento euro per una punto d'argento con centoventimila chilometri e la testata da rifare?
    É quella posteggiata qui sotto senza il bollino dell'assicurazione.

    Che, 'nteressa?

    RispondiElimina
  3. Ussignùr, non la molla mica.

    C'ho il papà che non si fida: vuole sapere quandio usa il gas e quando la benzina, non è mica convineto.
    Ed è andato giù in concessionaria a chiedere.

    L'hanno guardato "come mai ha schiacciato questo bottone? Così va solo a benzina".
    Siamo in piena sceneggiata che chissà chi ha toccato quel bottone, ma cosa sarà successo, lui non l'ha mica toccato.
    Si come no.

    Sarà che sta toccando tutti i bottoni a caso, della radio (tutte quelle robe in inglese) e del trip computer che gli dice un sacco di cose che non capisce.
    Per chi non è pratico della FIAT, il pomposo nome "trip computer" è il contachilometri che ti dice anche il consumo, l'autonomia o il percorso parziale ed ha un solo bottone che a seconda di quante volte lo premi fa una cosa diversa.
    E c'è anche un altro bottone che alleggerisce lo sterzo che "ah, no, non lo tocco che poi mi scappa il volante di mano"

    E siamo anche col Papà in piena fase "premi uno, premi, due, premi OK".

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...