domenica 24 aprile 2011

Il manifesto dell'Ikea

Carlo Giovanardi tuona "è contro la costituzione".

Ora, caro Giovanardi: perché lei compare solo per queste uscite macchiettistiche?

5 commenti:

  1. Embè? Non lo sapevi che la costituzione recita a chiare lettere che i gay non possono comprare mobili da grandi catene multinazionali di mobili?
    Al massimo dalla Katiarredamenti, ma giusto se serve un portasalviette, non di più.

    RispondiElimina
  2. Se il mobile è brianzolo, invece, vale?

    É che ogni tanto perdo il filo: ieri dicevano che la costituzione puah, oggi che se non ci fosse la costituzione poveri noi saremmo invasi dai mobili svedesi...
    E uno non sa più bene com'è la cosa.

    RispondiElimina
  3. Anche Sora Cesira commenta....

    http://lasoracesira.blogspot.com/2011/04/e-mannaggia-agli-svedesi.html


    ImpiegataSclerata

    RispondiElimina
  4. d’altronde, che ci volete fare, credevo che la distruzione dell’istruzione cominciasse (relativamente) pochi anni fa, ma è evidente che già imperava all’epoca del nostro caro giovanardi.
    tra l’altro, vorrei ricordare che molti dei professionisti che lavorano per i nostri beneamati politici quando vanno all’estero, sono gay. come la mettiamo?
    poi: non andava di moda, qualche anno fa, vantarsi di avere qualche amico gay, qualche amico nero, qualche amico biondo e qualche amico a pois? è cambiata la moda e nessuno me l’ha detto? che categoria va di moda quest’anno?
    (per il resto concordo con voi)

    RispondiElimina
  5. chiavi di ricerca gennaio 2012
    Manifesto dell'ikea

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...