venerdì 3 dicembre 2010

Il treno (piemontese) fantasma, dopo quello tedesco

  La citazione del treno (tedesco) fantasma, di qualche mese fa, continua a portare gente su questo Blog.

  Ma non è il solo: sto curando da un po' un altro treno fantasma, che mi interessa più direttamente.
  Direttamente perché prima o poi, lo rifaccio un giro per vetrine a Milano (scarse notizie sull'Obei Obei classico, ma c'è la Fiera Dell'Artigianato a Rho)

  E ho avuto le mie avventure sul treno da e per la capitale meneghina.

 Che da mesi prendere ArenaWays, una società privata che offrirebbe una linea circolare Torino, Milano, Pavia, Alessandria.

  Offrirebbe. Condizionale.

  Perché, mattuguardachecaso, sono mesi che continuano a sbattere contro problemi amministrativi di ogni tipo: il deposito di Arquata Scrivia che non si vuole fare ispezionare, quindi ritardi per le ispezioni ai treni arrivati là, altri ritardi, burocrazia, e, ciliegina sulla torta, il fatto che i signori che comandano le Ferrovie hanno proibito al treno di fare fermate.

  Dovevano cominciare a settembre.
  E solo da metà novembre ci sono solo due corse ArenaWays da Torino a Milano. Esattamente, propriamente, inesorabilmente da Torino a Milano e ritorno, no-stop.
  Io che devo fare da Novara a Milano? Piglio il carro bestiame coi cessi chiusi che sa di piscio di ubriachi.

  Arenaways va a mordere una tratta remunerativa, anche se gli orari non saranno per i pendolari (dove si fanno i veri soldi).
  Anche i prezzi sono più alti, il biglietto costa qualcosa in più che un prima classe Trenitalia.

  A vedere dentro i treni, coem fa il Sole24ore, c'è anche un perché.
  Ma evidentemente fanno paura lo stesso. Io sono il primo a voler pagare il triplo per quel che conta.
  Le Ferrovie Dello Stato si mettono di traverso anche per questi, e non solo per i tedeschi.

  Giova ricordare che Ferrovie sono statali e padroni sia dei binari (RFI) che dei treni (Trenitalia)?
  Non riesco a trovare un link, solo voci che ci sono manovre per vendere il deposito di Arquata Scrivia da RFI a Trenitalia (cioè una falsa vendita) il che permette qualche gioco di prestigio contabile e, soprattutto, di sfrattare ArenaWays - che non ha caso ha dovuto riparare a Santhià, nel deposito privato Magliola?

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...