domenica 18 novembre 2007

I vetri ghiacciati, aaargh!

 Il mio Papà ha trovato il vetro gelato, ed è scattata, come ogni anno, la fobia glaciale.
 Ovvero, un piano folle per smistare le macchine di famiglia e mettere il potente vetro di ogni veicolo al coperto.
 Dato che le macchine in famiglia sono troppe ed il posto coperto poco, nonché abbiamo tutti orari diversi di entrata/uscita, è un gioco di alta strategia, una via di mezzo tra gli scacchi ed il risiko.

  Notare bene, che l'unico che ha queste fisime è mio papà, che le (due) macchine sue le ha al coperto entrambe.
  Mi trovo tra due fuochi: mio padre che vuole vedere, alle nove e mezza di domenica mattina, la mia macchina ritirata in garage, incastrata in diagonale davanti alla sua e a quella della Nonna.
  In modo che alle cinque di domattina possa partire col vetro pulito (facendo un sacco di rumore di serrande sotto alla camera da letto di mia nonna)
  Dall'altra ho mia nonna che la macchina la sua una volta al mese, ma che all'idea che (nel raro caso l'avesse bisogno), debba spostare la mia davanti ha l'ansia. E avesse l'ansia solo lei, chi se ne frega.
  Il problema è che l'ansia la fa venire a me, dato che già si presenta in casa dieci volte al giorno, se ritiro la macchina le visite diventano ventitre.

giovedì 1 novembre 2007

Parigi, la Reunion

Non è, decisamente, un ewok.
 La Reunion è un evento ufficiale dell'Official SW club, alla seconda edizione.
 É la seconda volta che ci si trova al REX, il cinema al centro di Parigi che ha ospitato l'anteprima di tutti i film della saga.
 Il problema è che, essendo un multiplex del 1932, sia pure rimodernato e rifatto, sempre un cinema del '32 è.

 E quindi, la sala grande è una ottima sala, con tre piani di posti a sedere, ben alti e verticali, con il palco in un arco ed attorno le pareti con scene tridimensionali di castelli e ville. Le altre sale, non le ho viste perché andavano avanti con la normale programmazione.

  Esclusa la sala grande in cui non si può fare altro che vedere il palco e le altre sale, per la manifestazione restano i tre piani dei foyer fuori dalla sala grande.
 Ricchi di velluti, scale, boiserie, due bar, porte in cuoio rosso borchiate, ottoni e passatoie.
 Ovvio che, spazio lì attorno, pochino.

 Quindi (novità) la 501st Garrison e la Rebel Legion Francese con un solo microtavolino in comune, la decantata 'jedi academy' uno spazio di tre metri per cinque, l'accademia degli storrmtrooper ridotta ad un tirassegno con le NERF gun nel corridoietto che da verso i bagni. Unite una riproduzione in cartapesta della colonna a cui i jedi e Padmé sono stati incatenati nell'area di Geonosis (episodio II, l'Attacco Dei Cloni) ed il bar principale, e la hall al piano terra è piena.

mercoledì 31 ottobre 2007

Parigi, O cara

G. Caillebotte, Via di Parigi, tempo di pioggia, 1877
 Non ho scritto una riga dei viaggi a Los Angeles ed a Londra, almeno Parigi.
  Toccata e fuga nella Ville Lumière: occasione, la Star Wars Reunion II al REX, il primo multisala parigino (1932), dove sono stati proiettati in anteprima tutti i film della saga.
 Ma di questo, ne parleremo dopo. (dopo, quando? Dopo...)

  Solo che, complice l'orario dei treni cuccetta, ho avuto un giorno libero lunedì per girare attorno: ovviamente, pioveva, dopo due giorni grigi.
Cosa che non deve essere tanto strana visto il quantitativo di negozietti che vendono "parapleu" (ombrelli) e poncho con la scritta Paris ed i racconti di altri che, immancabilmente capitano nella capitale gallica sotto la pioggia.

  E quindi tour-de-force: vado alla stazione a mollare lo zaino con la metrò intelligente, attraversa Parigi e fa sei o sette fermate,  quindi dal centro alla gare de Lyon ( periferia sud est) fai due fermate e cinque minuti di viaggio., torno con lo stesso mezzo e mi sbizzarrisco.
  Mappa della metro alla mano, vado a caccia dei nomi che più o meno ti ballano in testa pensando a Parigi. Sbuco nella Ilé-de-la-Citè (fermata metrò navale, fatta con lastroni chiodati per tenere fuori la Senna), e ovviamente giro dalla parte sbagliata: ci metto un po' a trovare Notré-Dame, vedo, vista, ok, prossima tappa.
  A piedi, attraverso il ponte, hotel de ville, il centro Pompidou con tutti i suoi tubacci colorati,  a piedini fino a scoprire cosa diamine è Les AHlles.
  Ovvero un gigantesco bunker per le fashion victims, tre piani interrati di vie e cunicoli piene di negozi.  Il tutto sottoterra, in pieno centro,.
  Sbuco velocemente dall'altra parte , Louvre, e da li piedin piedini all'Arco di trionfo lungo le Champs Elisee.
Metro, Pigalle, e Montmaitre (sotto la chiesa è stracolmo di mercerie e negozi di stoffe, enormi: per il cosplayer figoso?)
  Altra metrò, L'Invalidès. Interessante che in pieno centro hanno l'ospedale per i feriti in guerra e nello stesso palazzo abiti anche il comandante in capo dell'Armée de Terre.
  Mi perdo in giro, decido vigliaccamente di prendere la metro per fare le due fermate fino alla Tour Eiffel.

  E qui, arriva la mano santa della Forza, sotto forma di una sexy poliziotta dall'accento francese. (che non è un personaggio dell'immaginario maschile come l'infermiera con le autoreggenti bianche, la cameriera e la scolaretta, ma una persona in carne ed ossa).
  Caroline, Ufficiale della Rebel Legion nonchè appunto funzionaria della Prefettura di Parigi, mi ha donato un biglietto per un giro in battello sulla Senna e per la Tour Eiffel.
  Io volevo portare un cadeau, pensavo fiori, cioccolatini, diamanti: le cose che alle ragazze piacciono.
  Mi ha chiesto "coppa", inteso salume. Ho portato una coppa intera, nostrana, a Parigi. Le ragazze son strane...

  Comunque, giro sul battello, più che altro a riprendermi ed ad asciugarmi al caldino più che vedere il panorama, dato che ero abbagliato dai migliaia di flash dei giapponesi a bordo e che, dalla Senna, si veda più o meno lo stesso che avevo già visto e meglio a piedi. Giusto le rive della senna, in alcuni punti, m'aspettavo da un momento all'altro di vedere spuntare Cary Grant e la Hepburn...
  Quindi, tour sulla tour eiffel, non salgo in cima perchè la cima è piantata dentro ad una nuvola.

 Se c'è un sistema per NON vedere Parigi, è questo. Passare a timbrare il cartellino nei dieci posti che hai in testa. Ho capito di più di Parigi nella passeggiata sabato notte dal mio albergo all'Operà (boulevard de l'italienne) e nella caccia domenica sera per una cena finita comicamente a cercare di spiegare in inglese smozzicato ad un vietnamita i nomi dei piatti cinesi tradotti in francese che aveva nel bancone.

venerdì 6 aprile 2007

Un'altra...

 Nuova cicatrice: a parte quelle morali, se n'è aggiunta una nuova fisica.
 Ustione sotto l'occhio destro: una scheggia di metallo dalla fresa, supera il riparo, sponda su una chiave inglese, rimbalzo sulla mia mano che sta girando la manovella che gli da la spinta per infilarsi sotto l'occhiale per piantarsi lì.
 Avete presente quelle cose da Willie il Coyote? Ecco, uguale.

 Non credo che la mia faccia peggiori ancora, cicatrice più, cicatrice meno... Però, AHIA!


 fase due. rientro dal lavoro

  Apro il rubinetto dell'acqua calda: a casa mia l'acqua calda è un'utopia, la caldaia è rotta da anni e si mette a fare tlik-tlak perchè scatta il blocco se si accende il bruciatore dell'acqua.

Se vuoi lavarti, devi accendere i termosifoni, così si fa anche l'acqua calda. Anche ad agosto.

 Comunque: arrivo a casa dal lavoro
 Apro l'acqua calda
 La caldaia comincia  a fare tlik-tlak tlik-tlak
 Mia mamma si mette ad urlare e chiedere cosa faccio.

 Ora: visto che faccio il metalmeccanico e arrivo a casa abbastanza sporchetto, quando la caldaia fa il rumore dell'acqua calda, esattamente, cosa starò facendo?
 Lavarmi? Solfeggio con sassofono e rubinetto? Fondazione di un nuovo partito? (Ho già il nome: Mani Pulite)

 Domanda due: perché mia Mamma lo chiede OGNI VOLTA che apro il rubinetto e la caldaia fa tlik-tlak?

domenica 1 aprile 2007

Flight Log

Flightlog-Agosto 2012

Star Wars Celebration IV
Los Angeles – 24 / 28 May 2007
Milano Linate (MIL) - London Heathrow (LHR) - Los Angeles (LAX)
976 km + 8,769 km = 9745 km

Los Angeles (LAX) - London Heathrow (LHR) - Milano Linate (MIL)
8,769 km + 976 km = 9745 km
Star Wars Celebration IV = 19490 Km (12103 mi.)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...